L'e-commerce TradeMachines raggiunge anche il mercato italiano

  Richiedi informazioni / contattami

La start-up ha conquistato in tre anni il mercato online dell’usato industriale mettendo in vendita il 40% dei macchinari in Europa e il 10% di quelli in tutto il mondo

L'e-commerce TradeMachines raggiunge anche il mercato italiano
L'e-commerce TradeMachines raggiunge anche il mercato italiano

TradeMachines, piattaforma B2B per l’e-commerce di macchinari industriali e agricoli usati, nata nel 2013 a Berlino e presente oggi in 92 Paesi nel mondo, ha deciso di investire sulle potenzialità del mercato in Italia. “Da un lato – spiega Heico Koch, CEO di TradeMachines - ci interessa la vocazione agricola e manifatturiera del Paese, dove sono presenti veri e propri distretti industriali e sistemi di produzione agricola e alimentare che ne fanno il target ideale per la nostra offerta. Dall’altro vogliamo cogliere il potenziale di sviluppo dell’E-commerce, che in Italia ha registrato crescite a doppia cifra negli ultimi due anni.” Secondo Netcomm e Human Highway, infatti, sono quasi 16 milioni gli italiani che acquistano abitualmente online, circa il 20% del totale: una cifra lontana da quella di altri paesi europei (in Spagna per esempio è il 31%, in Svezia il 69%), ma in costante salita. L’e-commerce tricolore infatti ha registrato, nel 2016, un giro d’affari di 25,5 miliardi di euro, segnando un trend del + 20%. 

Macchinari industriali usati

Il mercato dei macchinari industriali usati, la cui aspettativa globale di crescita al 2019 è intorno a 1.2 trilioni di euro, fino a poco tempo fa era caratterizzato da una frammentazione dei canali di vendita che rendeva difficile mettere in contatto domanda e offerta, ostacolando le transazioni sulla lunga distanza. A cogliere questa mancanza è stato proprio Heico Koch, ingegnere meccanico tedesco che quattro anni fa ha fondato a Berlino Trademachines.com, startup con l’obiettivo di diventare il punto di riferimento globale, trasparente e vantaggioso, per il mercato B2B dei macchinari usati. “Avendo contratti con i principali fornitori di macchine vendute all’asta in tutto il mondo” prosegue Heico Koch, “TradeMachines trova in tempo reale le macchine industriali messe in vendita attraverso aste giudiziarie/industriali o in modo diretto nei cinque continenti. In questo modo i consumatori non solo possono comparare i prezzi, ma anche avere accesso a un’offerta molto più ampia.”

Piattaforma gratuita

L’iscrizione alla piattaforma è completamente gratuita, sia per il venditore che per l’acquirente. TradeMachines, infatti, non riceve percentuali per le transazioni poiché genera reddito reindirizzando i potenziali acquirenti ai siti web dei venditori, secondo il modello di business definito costo per clic (CPC). Oltre a vendere macchine per il settore agricolo, TradeMachines copre anche i settori dell’edilizia, della lavorazione dei metalli e del legno e dell’industria agroalimentare, oltre che la compravendita di strumenti e macchinari più piccoli, come seghe per il legno, per il metallo e falciatrici. “TradeMachines – continua Koch – si posiziona oggi come modello di quella che viene definita seconda digitalizzazione del mercato: quella in ambiente B2B e non più solo B2C”. L’idea di Koch – al cui fianco c’è Philipp Kloeckner, uno dei principali esperti di SEO in Germania e in Europa – si è rivelata vincente: in soli tre anni TradeMachines, raggruppando il 40% di tutte le macchine usate vendute all’asta in Europa e il 10% di quelle in tutto il mondo, ha superato il milione di macchine in inventario, permettendo ai 500 mila visitatori mensili di accedere in modo trasparente e vantaggioso all’offerta globale di questo tipo di prodotto. 

Dopo aver registrato nel biennio 2014/2016 una crescita nel volume delle vendite del 40% e un aumento nell’ultimo semestre del 10% del traffico di visitatori sul sito TradeMachines, già attiva nel mondo con 58 piattaforme locali, è pronta dunque ad affrontare il mercato italiano per posizionarsi anche in questo caso come leader per qualità e affidabilità.

Pubblicato il 15 Maggio 2017 - (92 views)
Articoli correlati
Manometro digitale dV-2
Manometro digitale autonomo
LAPP IN CRESCITA
Nominato il nuovo CEO di Siemens Italia
Siglata partnership tra SKF e Hexatronic
Due nuove filiali europee per DAB
Conclusa l'acquisizione di Aventics da parte di Emerson
Accordo tra Siemens e Confindustria
Seconda edizione di "Porte Aperte alle Scuole" di Mitsubishi Electric
Avnet Abacus: nominato il nuovo presidente
Soluzioni Industry 4.0-ready
Soluzione per la sicurezza industriale
Sensori per termocoppie Labfacility
Misuratore di portata plug-and-play
Trasmettitore seriale da 1 a 4 ingressi
Amplificatore per celle di carico
Indicatore con 3 uscite a relè
EL-FLOW Prestige: nuovi misuratori di portata
Misuratori Mini CORI-FLOW
Controllore elettro-pneumatico