Bonifica dei serbatoi con metodi “No Entry”

  Richiedi informazioni / contattami

Serbatoi di Greggio e Olio Combustibile

Bonifica dei serbatoi con metodi “No Entry”
Bonifica dei serbatoi con metodi “No Entry”

Premessa La bonifica dei serbatoi di greggio, di olio combustibile, è stata eseguita, da sempre, con metodi manuali che prevedono l’ingresso di personale per: 

  • asportare quanto rimasto nel serbatoio, dopo svuotamento attraverso le linee d’impianto;
  • trasferire i residui nelle aree di raccolta, per destinarli allo smaltimento.

Il personale veniva dotato dei DPI determinati dagli usi e costumi prevalenti nelle varie aree, finché non si è arrivati alle valutazione del rischio prevista dalla 626/96. Data la natura “pericolosa” del sistema manuale, sempre maggior attenzione è stata data alla sicurezza degli addetti, ed alla protezione dell’ambiente. Sono quindi nati sistemi operativi che eseguono il 90% dell’intervento senza che il personale entri nel serbatoio, ed a circuito chiuso. Questi metodi sono stati definiti “No Entry”. Scopo Scopo della presente è individuare, studiando i diversi metodi proposti dal mercato, l’assetto tecnico operativo che ottimizza i seguenti obiettivi:

  • Sicurezza
  • Protezione Ambiente: Emissioni - Recupero di idrocarburi - Minimo smaltimento
  • Tempi di intervento

Metodi “No Entry” principio di funzionamento I metodi “ No Entry” si basano sul principio della fluidificazione dei fondami, ottenuta iniettando sugli stessi opportune sostanze fluidificanti. La circolazione del fluidificante si ottiene con apparecchiature installate presso il serbatoio, ad esso collegate, ed alle linee d’impianto. L’iniezione di fluidificante, in opportune condizioni di portata, pressione e temperatura, genera una fase fluida che può essere aspirata e trasferita ad altro serbatoio, eseguendo l’intera operazione a circuito chiuso, senza che i fluidi entrino in contatto con il personale e con l’ambiente esterno. Metodi “No Entry” proposti dal mercato Sono diversi i metodi utilizzati: 1.       iniettori installati sui tetti (Crude Oil Washing); 2.       iniettori installati attraverso i passi d’uomo sul mantello (Crude Oil Washing, Surfactants) 3.       circolazione attraverso i dreni (Chemical Additives, Surfactants) 4.       Inserimento di mini robot  attraverso i passi d’uomo  Requisiti di un metodo “No Entry” L’obiettivo primario, di un metodo “No Entry” è la SICUREZZA degli operatori che dovranno infine entrare nel serbatoio. L’obiettivo concomitante è proteggere l’ambiente da emissioni tossico/nocive/infiammabili. Entrambi gli obiettivi si ottengono quando sono state eliminate, dall’interno del serbatoio, tutte le sostanze volatili, tossiche ed infiammabili. Leggi il resto dell'articolo su: http://digital.manutenzione-online.com/digitalMagazine?issue_id=101

Pubblicato il 10 Febbraio 2011 - (379 views)
Articoli correlati
Socomec a sostegno del fondo emergenze nazionali di CRI
Digital Energy a HANNOVER MESSE 2019
Air Liquide rinnova la collaborazione con ABS
Omron ha ospitato l’ottavo Summit F45
«Associarsi a FNDI per fare fronte comune alle sfide del mercato»
FNDI rinnova la Presidenza e gli Organi Direttivi
USAG al fianco di MTS con i professionisti del motorsport
La due giorni promossa da Stahlwille sulle novità della UNI EN ISO 6789:2017
Oliver Jung è il nuovo presidente del CdA di Festo
Ottimi risultati per Stima alla recente edizione di EIMA
Amplificatore con contenitore stagno IP65
Trasmettitore per celle di carico
Indicatore con risoluzione a 100.000 punti
Automation & Testing 2019
Sistema autoserrante
Celle di carico
Nuovo sito per clienti business
Valvole e pressostati
Distribuzione componenti meccanici
Sensing Technology
Misuratore per lo stoccaggio delle ceneri
Cuscinetti radiali orientabili
Flussimetri per liquidi e diluenti
Pressostato con IO-Link
Sensori di flusso intercambiabili
Cilindri pneumatici con profilo estruso
Nylon12 CF: la soluzione ideale per la produzione di attrezzaggi robusti
Misuratore di prodotti chimici
Dispositivo per la sicurezza funzionale
Sensore di pressione per applicazioni igienico sanitarie
Misuratore per lo stoccaggio delle ceneri
Sensori di flusso intercambiabili
Etichetta per provette PCR
Nylon12 CF: la soluzione ideale per la produzione di attrezzaggi robusti
Dispositivo per la sicurezza funzionale
Inserto per scanalatura in metallo duro
Teste di barenatura digitali
Microprocessore con DRP
Sistemi di posizionamento assoluto
Compact Dosing Solution: il sistema di dosaggio per microportate!