Illuminazione industriale

  Richiedi informazioni / contattami

aspetti progettuali per la sicurezza

Illuminazione industriale
Illuminazione industriale

Il recepimento delle varie leggi in materia di sicurezza sul lavoro ha sicuramente portato ad un incremento dell’illuminazione esterna in ambito industriale. Torri faro e proiettori sono stati installati nelle aree industriali al fine di rispettare i parametri della legge. Molto spesso però, il lavoro illuminotecnico ha portato negli anni alla realizzazione di centinaia di impianti che, pur rispettando i parametri di illuminazione richiesti per la sicurezza, sono altamente disperdenti e sovradimensionati. Un impianto che disperde luce costituisce da solo un problema di sicurezza per l’abbagliamento che può produrre. Inoltre aumenta il grado di inquinamento luminoso dell’area che, a seconda della regione in cui è ubicato l’impianto, può portare a problematiche legate al rispetto delle leggi regionali in materia di contenimento del fenomeno. Non ultimo, un impianto sovradimensionato, è energivoro: questo si traduce in un superfluo aumento dei costi per l’azienda.   Utilizzando le giuste tecnologie è possibile progettare impianti di illuminazione che rispettino in pieno le prescrizioni di legge sia per quanto riguarda le problematiche ambientali. Nello stesso tempo è possibile evitare il problema dell’abbagliamento (sia all’interno che all’esterno dell’area industriale). Un impianto correttamente progettato porta ad una diminuzione di energia richiesta, con conseguente diminuzione dei costi, essendo tutta la luce prodotta indirizzata dove serve e non dispersa. Nell’ottica di maggiore attenzione ambientale e riduzione dell’impronta ecologica, un impianto di illuminazione esterna correttamente realizzato è sicuramente un ottimo biglietto da visita ed un’ottima pubblicità per un’azienda che voglia essere competitiva di fronte alle nuove sfide ambientali che si presentano. Principali linee guida di progettazione Per l’azienda che voglia muoversi in questa direzione, si presentano due alternative: costruire un impianto nuovo oppure adeguare l’esistente, cambiando corpi illuminanti ed eventualmente installando dei regolatori di flusso. Spesso è anche possibile effettuare una semplice sostituzione delle lampade: si passa dal vecchio e dispendioso mercurio alle nuove e performanti lampade SAP (sodio ad alta pressione). Sia nel caso di installazione di un nuovo impianto, che di adeguamento di un impianto esistente, un impianto a norma correttamente progettato prevede:

  • utilizzo di corpi illuminanti full cut-off (FCO) e vetri piatti;
  • utilizzo di regolatori di flusso e/o telecontrollo;
  • scelta del tipo e della potenza della lampada;
  • ottimizzazione dei punti luce;
  • manutenzione programmata dell’impianto.

Nel seguito vengono date alcune indicazioni aggiuntive per ciascuno dei punti sopraelencati  Corpi illuminanti full cut-off Un corpo illuminante FCO ha un’emissione luminosa verso l’alto pari a zero (0,49 cd/klm a 90°) poiché la lampada si trova all’interno dell’ottica ed è quindi completamente schermata verso l’alto. Le moderne ottiche sono in grado di indirizzare la luce dove necessario, senza il bisogno di dover installare il corpo illuminante in verticale come spesso succedeva in passato.

Leggi il resto dell'articolo su www.manutenzione-online.com

Pubblicato il 10 Febbraio 2011 - (299 views)
Articoli correlati
Macchine per il taglio al plasma o ossitaglio
Sistema di alimentazione in CC
L'onnipresenza legittima dei robot
Industria 4.0 e PMI
Chiavi a rullino
Alimentatori industriali per guida DIN
Climatizzare efficacemente un quadro elettrico
Soluzioni per Condition Based Maintenance
Servomotore intelligente con encoder assoluto
Flussimetro a induzione magnetica
Soluzione integrata per controllo e automazione
Sensore IO-Link
Sensori di temperatura
Sensori industriali
Sensori: organi sensoriali dell'automazione
Sensori a isolamento
Soluzioni per accelerare il passaggio al 4.0
Sensori a soppressione di sfondo
Prodotti per il controllo della temperatura
Servo motori C.C. brushless
Flussimetro a induzione magnetica
Tester di cavi Cablemaster 800
Sensore fotometrico ad assorbimento
VEGAPULS 64: un sensore radar per la misura di livello continua su liquidi
Relè temporizzato multifunzione CMFR-66
Tester di isolamento ET-200
Endoscopio con sonda BS-350XIPSD
Tre connettori push-pull per applicazioni industriali futuristiche
Sensori di pressione per pompe idrauliche ausiliarie
Interruttori di posizione Ex
Chiavi a rullino
VEGAPULS 64: un sensore radar per la misura di livello continua su liquidi
E DUP: Double Layer Protection
Modulo trasportatore lineare
Attuatori elettrici con funzione soft-landing
Guida agli studi sui carichi con i registratori di rete ed energia Fluke
Sette ragioni per scegliere un trasduttore di pressione con cella in ceramica
Dovete misurare in modo continuo un livello fino a 100m di profondità (H2O)?
Sensore laser a tecnologia avanzata
Nuovi sensori di flusso per applicazioni monouso