ABB e General Motors

  Richiedi informazioni / contattami

Collaborazione finalizzata alla ricerca su batterie per auto elettriche

ABB e General Motors
ABB e General Motors

ABB, il gruppo impegnato nelle tecnologie per l’energia e l’automazione, e General Motors, l’azienda statunitense produttrice di autoveicoli, hanno sottoscritto un memorandum di intesa non esclusivo per collaborare ad un progetto di ricerca e sviluppo finalizzato all'individuazione di usi alternativi per batterie di auto elettriche giunte al termine del loro ciclo di vita. Il progetto analizzerà il potenziale riutilizzo delle batterie al litio esauste usate nel modello di auto elettrica di GM, Chevrolet Volt, per fornire un dispositivo di immagazzinamento di energia conveniente sotto il profilo dei costi che migliorerà l’efficienza dei sistemi elettrici nel loro evolversi in reti intelligenti (smart grid). “Le future smart grid integreranno una maggiore quantità di energia da fonti rinnovabili e avranno bisogno di alimentare una capillare infrastruttura di e-mobility, situazioni che richiedono entrambe un’ampia gamma di soluzioni per l’immagazzinamento di energia” ha dichiarato Bazmi Husain, responsabile dell’iniziativa smart grid di ABB. “Siamo entusiasti di esplorare la possibilità di riutilizzare batterie di auto elettriche che  potrebbero contribuire a realizzare la necessaria capacità di immagazzinamento di energia e fornire benefici a lungo termine sotto l’aspetto economico e ambientale”. Secondo quanto riferisce GM, la batteria della Volt avrà ancora una significativa capacità di immagazzinamento anche al termine della sua applicazione. “Questo è il motivo per cui stiamo collaborando con ABB per individuare come le batterie della Volt possano fornire benefici ambientali apprezzabili anche al di fuori del contesto dei trasporti” ha affermato Micky Bly, Direttore Esecutivo dei sistemi elettrici e ibridi di GM che ha annunciato l’accordo di collaborazione durante la conferenza EV Battery Tech tenutasi a Troy, nel Michigan. “La nostra cooperazione con ABB consentirà di individuare soluzioni per l’ottimizzazione dell’intero ciclo di vita delle batterie di Volt”. La possibilità di poter disporre di un sistema di immagazzinamento dell’energia economicamente competitivo viene spesso identificato come la tecnologia alla base della diffusione delle smart grid che condurrà ad un maggior utilizzo di applicazioni fra le quali: Gestire la discontinuità delle risorse eoliche e solari Mitigare i picchi nella richiesta di corrente elettrica Provvedere riserve di energia Immagazzinare energia a minor costo durante i momenti di basso consumo per immetterla nuovamente in rete durante i momenti di picco. Edited by: Valeria Zanaboni

Pubblicato il 23 Settembre 2010 - (1685 views)
Articoli correlati
Manometro digitale dV-2
Manometro digitale autonomo
LAPP IN CRESCITA
Nominato il nuovo CEO di Siemens Italia
Siglata partnership tra SKF e Hexatronic
Due nuove filiali europee per DAB
Conclusa l'acquisizione di Aventics da parte di Emerson
Accordo tra Siemens e Confindustria
Seconda edizione di "Porte Aperte alle Scuole" di Mitsubishi Electric
Avnet Abacus: nominato il nuovo presidente
Soluzioni Industry 4.0-ready
Soluzione per la sicurezza industriale
Sensori per termocoppie Labfacility
Misuratore di portata plug-and-play
Trasmettitore seriale da 1 a 4 ingressi
Amplificatore per celle di carico
Indicatore con 3 uscite a relè
EL-FLOW Prestige: nuovi misuratori di portata
Misuratori Mini CORI-FLOW
Controllore elettro-pneumatico