Cybersecurity: Siemens firma una Carta comune

  Richiedi informazioni / contattami

In occasione della Conferenza sulla Sicurezza Globale, l’azienda e otto partner dal settore industriale hanno firmato la prima Carta comune per una maggiore sicurezza informatica

Cybersecurity: Siemens firma una Carta comune
Cybersecurity: Siemens firma una Carta comune

In occasione della Conferenza sulla Sicurezza Globale che si è svolta a Monaco, Siemens e otto partner dal settore industriale hanno firmato la prima Carta comune per una maggiore sicurezza informatica. Su iniziativa di Siemens, il Charter of Trust chiede norme e standard stringenti per incrementare il livello di fiducia nella sicurezza informatica e dare così un ulteriore slancio al processo di digitalizzazione.  Oltre a Siemens e alla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco (MSC), sottoscrivono l’accordo Airbus, Allianz, Daimler Group, IBM, NXP, SGS e Deutsche Telekom. L’iniziativa è accolta positivamente dalla Ministra degli Esteri canadese e rappresentante del G7 Chrystia Freeland, così come da Elżbieta Bieńkowska, Commissaria europea per il Mercato Interno, l’Industria, l’Imprenditoria e le Piccole e Medie Imprese. 

Aree d’azione

La Carta delinea 10 aree d’azione nell’ambito della sicurezza informatica nelle quali i governi e le aziende devono entrambi svolgere un ruolo attivo. La responsabilità in tema di cybersecurity deve essere assunta ai più alti livelli governativi e di business, con l’introduzione di un ministero dedicato nei governi e di un responsabile a capo della sicurezza delle informazioni nelle aziende. È necessario inoltre per le imprese stabilire una certificazione obbligatoria e indipendente (rilasciata da una terza parte) relativa alle soluzioni e alle infrastrutture critiche, soprattutto laddove possano verificarsi situazioni pericolose, ad esempio con veicoli autonomi o con i robot di domani, che saranno in grado di interagire direttamente con gli esseri umani all’interno dei processi produttivi. In futuro, le funzioni di sicurezza e di protezione dei dati saranno preconfigurate come parte delle tecnologie, e le norme di sicurezza informatica saranno incorporate all’interno degli accordi di libero mercato. I firmatari di questa Carta richiedono maggiori sforzi per promuovere la comprensione della cybersecurity attraverso la formazione continua e le iniziative internazionali.  

Report ENISA Threat Landscape

Secondo il report ENISA Threat Landscape, gli attacchi alla sicurezza informatica hanno causato danni - a livello globale - per un totale di oltre 560 miliardi di euro a livello mondiale solo nel 2016. Per alcuni Paesi europei, le perdite hanno pesato per l’1,6% del PIL. In un mondo digitalizzato, le minacce alla cybersecurity stanno continuando a crescere: secondo Gartner, i dispositivi connessi in uso nel 2017 erano 8,4 miliardi, in crescita del 31% rispetto al 2016. Entro il 2020, si stima che il numero salirà a 20,4 miliardi. 

Pubblicato il 6 Marzo 2018 - (43961 views)
Articoli correlati
Termocamera tascabile
Robot per pick & place
Lettore di codici a barre portatile
La nuova era dell’assemblaggio 4.0
Contattori push-in
Soluzioni industriali per ogni esigenza
Da componenti a sistemi completi
Svolta nel controllo di processo per la dosatura dei fluidi
Encoder assoluto multigiro
Stazioni di marcatura Laser per ogni esigenza
Distributore di prodotti industriali
Sensori per l'Internet delle cose
Distribuzione di giunti e teste a snodo
Misuratori di temperatura industriali
SPS Italia 2020 a Parma
Tecnologia per dosatura dei fluidi
Dispositivo di monitoraggio
Moduli IGBT
Semiconduttori di potenza compatti
Termocamera collegata in rete
Termocamera tascabile
Contattori push-in
Stazioni di marcatura Laser per ogni esigenza
Marcatore Laser Stazione XXL-Box per grandi volumi
Nuovi risultati per l'industria dell'automazione
Testa laser di marcatura integrabile i104
Marcatore portatile a batteria best-seller
Sistema di soluzioni E NUX
Contattori push-in. Just push it
Sensori di posizione per veicoli