EF Corporate Solutions presenta i dati dell’EF EPI-c

  Richiedi informazioni / contattami

L’indice relativo alla competenza linguistica delle aziende mostra la debole conoscenza della lingua inglese dei dipendenti del settore manifatturiero nel mondo

EF Corporate Solutions presenta i dati dell’EF EPI-c
EF Corporate Solutions presenta i dati dell’EF EPI-c

Le aziende del settore manifatturiero di tutto il mondo si stanno adattando all’Industria 4.0, la nuova evoluzione dei sistemi di produzione che vede al centro un’interconnessione assoluta tra macchine e processi. È necessario che, in primo luogo, siano le persone a poter interagire tra di loro, e questo è possibile solo parlando la stessa lingua. In questo scenario, EF Corporate Solutions presenta i dati dell’EF EPI-c, indice relativo alla competenza linguistica delle aziende, secondo cui i dipendenti del settore manifatturiero, nel mondo, presentano una debole conoscenza della lingua inglese che arriva a malapena al livello B1, con un punteggio medio di 51,41/100.

Differenze in termini di competenze linguistiche

L’analisi intraziendale di questo settore mostra un’ampia differenza in termini di competenze linguistiche nelle varie posizioni lavorative. Nello specifico, Il punteggio medio per i lavoratori che ricoprono funzioni di logistica e stoccaggio è 38 (livello A2, ovvero una conoscenza scolastica dell’inglese), mentre chi si occupa di ricerca scientifica totalizza il punteggio più alto del settore (56, livello intermedio B1). In produzione, contabilità e amministrazione la conoscenza dell’inglese è elementare, mentre il personale dei reparti marketing e PR, HR, IT e la Direzione registrano livelli di competenza più elevati, in quanto più esposti al clima di internazionalizzazione in cui verte oggi il settore produttivo.

Investire nella formazione linguistica

L’English Margin Report di EF, associato a questa ricerca, mostra come l’88% dei clienti sia disposto a pagare un extra a quelle aziende con una padronanza dell’inglese migliore, mentre l’81% prenderebbe in considerazione la possibilità di scartare partner con una scarsa padronanza dell’inglese. Nel caso dell’Italia, il basso livello di competenza linguistica si riflette inevitabilmente anche sulla percezione delle nostre imprese all’estero: per puntare all’internazionalità è infatti necessario investire prima nella formazione linguistica dei lavoratori.

Pubblicato il 11 Gennaio 2017 - (72 views)
Articoli correlati
Sistemi di marcatura portatili precisi e compatti
Conrad dà il via alle offerte per l'automazione
Christian Ripperda è nuovo Vice President System Innovation di Interroll
Motore brushless IDX maxon con comando di posizionamento integrato EPOS4
Ricevi un biglietto gratuito per Hannover Messe 2020
Una serie di motori per i produttori di montascale
Mammoet acquisisce commessa per revamping di Raffineria Saras
Robot cartesiano Serie GV
UltimusPlus™, il nuovo sistema di Nordson EFD per la dosatura dei fluidi con controllo in remoto
Siringhe industriali Dial-A-Dose
Fornitura veloce di pezzi di ricambio
Costruire le macchine del domani
Distributore di elettronica
A&T 2020: Innovazione 4.0
Distributore di prodotti industriali
Sensori per l'Internet delle cose
Distribuzione di giunti e teste a snodo
Misuratori di temperatura industriali
SPS Italia 2020 a Parma
Tecnologia per dosatura dei fluidi