EF Corporate Solutions presenta i dati dell’EF EPI-c

  Richiedi informazioni / contattami

L’indice relativo alla competenza linguistica delle aziende mostra la debole conoscenza della lingua inglese dei dipendenti del settore manifatturiero nel mondo

EF Corporate Solutions presenta i dati dell’EF EPI-c
EF Corporate Solutions presenta i dati dell’EF EPI-c

Le aziende del settore manifatturiero di tutto il mondo si stanno adattando all’Industria 4.0, la nuova evoluzione dei sistemi di produzione che vede al centro un’interconnessione assoluta tra macchine e processi. È necessario che, in primo luogo, siano le persone a poter interagire tra di loro, e questo è possibile solo parlando la stessa lingua. In questo scenario, EF Corporate Solutions presenta i dati dell’EF EPI-c, indice relativo alla competenza linguistica delle aziende, secondo cui i dipendenti del settore manifatturiero, nel mondo, presentano una debole conoscenza della lingua inglese che arriva a malapena al livello B1, con un punteggio medio di 51,41/100.

Differenze in termini di competenze linguistiche

L’analisi intraziendale di questo settore mostra un’ampia differenza in termini di competenze linguistiche nelle varie posizioni lavorative. Nello specifico, Il punteggio medio per i lavoratori che ricoprono funzioni di logistica e stoccaggio è 38 (livello A2, ovvero una conoscenza scolastica dell’inglese), mentre chi si occupa di ricerca scientifica totalizza il punteggio più alto del settore (56, livello intermedio B1). In produzione, contabilità e amministrazione la conoscenza dell’inglese è elementare, mentre il personale dei reparti marketing e PR, HR, IT e la Direzione registrano livelli di competenza più elevati, in quanto più esposti al clima di internazionalizzazione in cui verte oggi il settore produttivo.

Investire nella formazione linguistica

L’English Margin Report di EF, associato a questa ricerca, mostra come l’88% dei clienti sia disposto a pagare un extra a quelle aziende con una padronanza dell’inglese migliore, mentre l’81% prenderebbe in considerazione la possibilità di scartare partner con una scarsa padronanza dell’inglese. Nel caso dell’Italia, il basso livello di competenza linguistica si riflette inevitabilmente anche sulla percezione delle nostre imprese all’estero: per puntare all’internazionalità è infatti necessario investire prima nella formazione linguistica dei lavoratori.

Pubblicato il 11 Gennaio 2017 - (72 views)
Articoli correlati
Migliorare l'efficienza e l'affidabilità degli impianti idraulici con pompe a velocità variabile e sensori di pressione
Stanley Black & Decker all’evento Greenlight for Girls
Pruftechnik annuncia la vendita dell'azienda a Fluke Corporation
Schaeffler inaugura un nuovo stabilimento in Vietnam
FANUC apre una sede a Lainate
Valvola pneumatica a impulsi
Siemens Mobility collabora con Schaeffler
SIMa 2019 - 2-3 Ottobre - Nuvola Lavazza Headquarter
Un ventaglio di servizi a valore aggiunto per confermarsi sul mercato
Cina, timori e opportunità per i distributori italiani
Soluzioni personalizzate
Misuratori EL-FLOW Prestige
Misuratore di portata minuscolo
Hardware Forum Italy
Distributore di elettronica
Cuscinetti obliqui
Sistema di sicurezza wireless
Servomotori BXT
Teste a snodo RODOBAL
Trasmettitori di Pressione Linea D e Linea X
Come ottenere stampe 3D professionali a costi contenuti
Motion Controller ampliato con EtherCAT
maxon: un nuovo brand chiaro, coerente, preciso
ENCODER A FILO PER LUNGHEZZE FINO A 6 M
Software per tornitura
Pinze robotiche flessibili
Stampante 3D Stratasys F120
Laser scanner di sicurezza outdoor
SmartMotor: brushless con integrato driver e PROFINET
Telecamera acustica industriale Fluke ii900