I 130 anni di attività di Dräger

  Richiedi informazioni / contattami

Alla conferenza One Dräger One Voice la storia della multinazionale tedesca e la presentazione di soluzioni tecnologiche e sostenibili, successive alla fusione tra le divisioni Safety e Medical

Massimiliano Tarallo, Amministratore Delegato Dräger Italia
Massimiliano Tarallo, Amministratore Delegato Dräger Italia
Giampiero Moroni, Marketing Manager Dräger Italia
Giampiero Moroni, Marketing Manager Dräger Italia

Dräger, fondata nel 1889 a Lubecca, è giunta alla quinta generazione festeggiando i suoi 130 anni di attività e confermandosi realtà riconosciuta a livello internazionale nel campo delle apparecchiature tecnologiche medicali e di sicurezza.

Nel corso della conferenza stampa tenutasi stamattina presso la camera di commercio Italo-Germanica a Milano, Massimiliano Tarallo, Amministratore Delegato di Dräger Italia, ha illustrato la storia della multinazionale tedesca, attiva in oltre 190 paesi nel mondo, presentando anche alcune soluzioni, tecnologiche e sostenibili, successive alla fusione tra le divisioni Safety e Medical.

Da 130 anni Dräger è presente, con una vastissima gamma di prodotti, dovunque la tecnologia sia in stretta relazione con la respirazione. Ed è per questo che il suo motto è sempre stato: “Tecnologia per la Vita”.

SETTORE MEDICALE

Grazie anche alla tecnologia dei prodotti Dräger - come incubatrici di ultimissima generazione e ventilatori ultrasofisticati che permettono di erogare pochi millilitri di volume d’ossigeno - oltre il 90% dei nati prematuri oggi può sopravvivere. Il settore medicale rappresenta per l’azienda tedesca un continuo ambito di interesse e innovazione.

SICUREZZA, SERVIZI E CORPI SPECIALI

I Vigili del Fuoco, che con il loro coraggio e la loro professionalità salvano la vita a milioni di persone e per farlo hanno bisogno di attrezzature affidabili. E anche in questo caso, il ruolo di Dräger è fondamentale: oggi, nel mondo, si utilizzano oltre 600 mila respiratori ad aria compressa e più di 50 mila elmetti; l’addestramento viene effettuato in 850 unità mobili Dräger per la simulazione di incendi in abitazioni, edifici industriali e aerei.

CHIMICO E PETROLCHIMICO

Nelle industrie del petrolio, del gas, nel settore minerario o chimico, le sfide da affrontare sono molteplici. La protezione dei lavoratori e delle risorse ha fatto passi da gigante negli ultimi decenni e questo è dovuto in gran parte all'evoluzione tecnologica Dräger.

DUE DIVISIONI, UN'UNICA VISION

A partire dalla prima invenzione, la valvola di riduzione dell’anidride carbonica “Lubeca” brevettata da Heinrich Dräger nel 1889, la protezione delle vie respiratorie è sempre stata la mission aziendale e con il passare del tempo si sono delineati i due settori di specializzazione che hanno dato vita a due divisioni: il medicale (si deve a Dräger l'invenzione della prima macchina per anestesia all'inizio del XX secolo) e quello industriale-minerario (i soccorritori negli incidenti minerari vengono ancora oggi chiamati Drägerman).

Fin dalla sua quotazione in borsa, Dräger (quotata dal 1979 ad Amburgo e attualmente a Francoforte), ha intrapreso a livello globale un processo di integrazione fra le due divisioni che ha progressivamente coinvolto molte filiali nel mondo.

ONE DRÄGER, ONE VOICE. UN’UNICA FILIALE ITALIANA

“Oggi siamo lieti di annunciare di aver concluso anche presso la sede italiana il percorso di fusione per incorporazione iniziato nel 2013” ha dichiarato Massimiliano Tarallo “e possiamo anche noi presentarci come una ‘One Dräger, One Voice’. Questa operazione ci consente, dal punto di vista organizzativo, di ottimizzare tutte le funzioni aziendali (dal commerciale alla gestione finanziaria, dalla logistica alla comunicazione corporate) e dal punto di vista operativo di essere ancora più efficienti e dinamici, valorizzando le sinergie tra le due divisioni e rendendo ancora più efficaci i servizi resi alla clientela, in particolar modo nel service, fiore all’occhiello della nostra attività“.

SOSTENIBILITÀ

“Tutti i nostri processi aziendali" ha proseguito Massimiliano Tarallo "si basano sul principio della sostenibilità: nei nostri impianti, riduciamo al minimo la produzione di rifiuti e acque reflue, ottimizzando il consumo di energia primaria. Puntiamo su sistemi di imballaggio ecologici e che richiedono poco materiale, come quelli riutilizzabili o realizzati con materiali riciclati“.

“Una pianificazione ottimizzata della logistica e delle spedizioni, ha aggiunto, ci consente di consumare meno carburante per il trasporto, la vendita e l’assistenza: a richiesta, offriamo ai clienti la possibilità di smaltire i prodotti usati e consumati e reintroduciamo nel processo di riciclaggio i componenti riutilizzabili“.

“Il nostro obiettivo" ha concluso Tarallo "è anche quello di ridurre le nostre emissioni dirette e indirette di CO2. A questo proposito registriamo e riportiamo su base regolare le nostre emissioni complessive di CO2 a livello mondiale e cerchiamo soluzioni migliorative per ridurle ulteriormente. Per raggiungere questo target, abbiamo avviato un progetto a lungo termine denominato “Projekt 20+” tramite il quale vogliamo ridurre del 20% il consumo energetico a livello mondiale, partendo dai nostri 10 siti più grandi“.

Pubblicato il 30 Settembre 2019 - (173 views)
Articoli correlati
Distributore di prodotti industriali
Sensori per l'Internet delle cose
Distribuzione di giunti e teste a snodo
Misuratori di temperatura industriali
SPS Italia 2020 a Parma
Tecnologia per dosatura dei fluidi
Dispositivo di monitoraggio
Moduli IGBT
Semiconduttori di potenza compatti
Termocamera collegata in rete
Sensori di portata di produzione
Facciali filtranti antiparticelle
Soluzioni specifiche per locali tecnici
Microscopio stereoscopico 3D
Armadio componibile
Motion Amplification: Webinar di Darkwave per "vedere le vibrazioni"
Encoder rotativo assoluto
Termocamera tascabile
Contattori push-in
Stazioni di marcatura Laser per ogni esigenza