Nonostante il calo di fatturato, utili operativi positivi per Schaeffler

  Richiedi informazioni / contattami

Il Gruppo ha subito preso in atto delle contromisure in contrasto alla pandemia e il mese di giugno ha registrato i primi rimbalzi sul primo semestre 2020

Nonostante il calo di fatturato, utili operativi positivi per Schaeffler
Nonostante il calo di fatturato, utili operativi positivi per Schaeffler

La pandemia da Coronavirus, com’era prevedibile, ha pesato sensibilmente sul fatturato del primo semestre del 2020 della multinazionale tedesca Schaeffler.  

Il fatturato del Gruppo per i primi sei mesi ammonta a 5.574 milioni di euro (anno precedente: 7.226 milioni di euro). Al netto degli effetti di cambio, i ricavi di vendita del periodo sono diminuiti in modo considerevole del 21,8%, in conseguenza al calo della domanda dovuto alla pandemia del coronavirus; il calo per il secondo trimestre è stato del 34,5%. Questa diminuzione è stata determinata dal calo dei ricavi di vendita di tutte le tre Divisioni, con il ribasso di gran lunga il più consistente del 26,8% al netto degli effetti di cambio del fatturato della divisione Automotive OEM per la prima metà del 2020. 

IMPATTO SULLE QUATTRO REGIONI

L’impatto della pandemia sulle quattro Regioni è cambiato. La Greater China ha riportato una crescita del fatturato depurato degli effetti di cambio del 3,0% per il periodo in esame grazie alla ripresa che si è manifestata nel secondo trimestre.

Le altre tre Regioni hanno registrato una notevole diminuzione dei ricavi di vendita nei primi sei mesi. 
Nel corso del mese di giugno, le attività hanno registrato una notevole ripresa in tutte le Divisioni e le Regioni. Nei primi sei mesi del 2020, il Gruppo Schaeffler ha conseguito un EBIT prima degli effetti straordinari di 65 milioni di euro (anno precedente: 556 milioni di euro), che rappresenta un margine EBIT prima degli effetti straordinari del 1,2% (anno precedente: 7,7%). La flessione rispetto all’esercizio precedente è stata principalmente dovuta al calo del margine lordo a seguito del calo dei ricavi in termini di volumi. 

FATTURATO AUTOMOTIVE OEM E AFTERMARKET DIMINUITO SENSIBILMENTE, CALA ANCHE L'INDUSTRIAL

La Divisione Automotive OEM ha generato un fatturato pari a 3.264 milioni di euro (anno precedente: 4.517 milioni di euro) nella prima metà del 2020. Al netto degli effetti di cambio, i ricavi di vendita sono diminuiti in modo considerevole del 26,8% rispetto all'anno precedente, principalmente a causa delle minori quantità vendute. 

La Divisione Automotive Aftermarket ha registrato nel periodo in esame un calo dei ricavi di vendita in termini di volumi depurato degli effetti di cambio del 14,8% attestandosi a 747 milioni di euro (anno precedente: 904 milioni di euro). Dopo un aumento considerevole nel corso dell’anno precedente, principalmente nell’attività dell’Independent Aftermarket nella Regione Europa, nei primi due mesi dell’anno, i ricavi di vendita sono diminuiti in modo considerevole in tutte le Regioni nel corso del restante periodo in esame. L'acquisizione globale degli ordini è migliorata nel corso del secondo trimestre, chiudendo sulla media dell'anno precedente. 

La Divisione Industrial ha generato un fatturato di 1.562 milioni di euro (anno precedente: 1.804 milioni di euro) nel primo semestre 2020. Al netto degli effetti di cambio, i ricavi di vendita sono diminuiti del 12,8%. Le Regioni Europa, Americas e Asia/Pacific hanno riportato un calo considerevole dovuto alla crisi nei primi sei mesi del 2020. Al contrario, un tasso di crescita a doppia cifra è stato registrato dalla Regione della Greater China, dove il cluster del settore eolico ha continuato ad ampliarsi in modo considerevole. 

FREE CASH FLOW MIGLIORE RISPETTO ALL’ANNO PRECEDENTE 

Per il primo semestre 2020 l'utile netto (perdita) distribuibile agli azionisti prima delle attività straordinarie ammonta a -76 milioni di euro (anno precedente: +324 milioni di euro), in netto calo rispetto all'esercizio precedente. L’utile netto (perdita) è stato di -353 milioni di euro (anno precedente: +273 milioni di euro). Gli utili per azione senza diritto di voto sono stati pari a -0,52 euro (anno precedente: +0,42 euro). Con -148 milioni di euro, il free cash flow prima dei flussi di cassa in entrata e in uscita per attività M&A per il primo semestre 2020 è stato superiore a quello del periodo in esame dell’anno precedente (-229 milioni di euro). 

Klaus Rosenfeld, CEO di Schaeffler AG, ha dichiarato: “Grazie a una gestione proattiva, nel primo semestre 2020 siamo stati in grado di generare un free cash flow migliore rispetto all'anno precedente. La rigorosa disciplina sul capitale e sui costi esercitata negli ultimi mesi ha dato i suoi frutti. Manterremo questa disciplina anche nella seconda metà del 2020". 

SOLIDA SITUAZIONE DI CASSA 

I programmi avviati nelle tre Divisioni nella primavera del 2019 - RACE (Automotive OEM), GRIP (Automotive Aftermarket) e FIT (Industrial) - stanno avendo l'impatto desiderato. Le misure strutturali e di efficienza avviate in questo contesto hanno contribuito a ridurre il costo del venduto. Inoltre, il Gruppo Schaeffler ha avviato o proseguito le misure per mitigare l'impatto finanziario della pandemia del coronavirus durante il periodo in esame. Il Gruppo Schaeffler ha circa 2,4 miliardi di euro di liquidità disponibile sotto forma di cash e linee di credito, che rappresentano circa il 19% del fatturato degli ultimi dodici mesi. 

Klaus Rosenfeld ha dichiarato: "Grazie alla coerente implementazione delle contromisure e ai solidi utili apportati dalle nostre divisioni Automotive Aftermarket e Industrial abbiamo finora superato la crisi meglio del previsto. La ripresa della domanda nel mese di giugno è un'indicazione che - dopo il punto più basso di aprile - le cose stanno gradualmente migliorando. Ciononostante, l'incertezza su quando torneremo ai livelli pre-crisi rimane elevata. Per noi questo significa che dobbiamo continuare ad agire con grande lungimiranza e disciplina". 

Pubblicato il 7 Agosto 2020 - (58 views)
Articoli correlati
Sonde di temperatura in AISI 316
Trasmettitori di pressione piezoresistivi
Il primo marketplace al mondo per la compravendita di macchinari usati si chiama OLIVER
Collaborazione RS COMPONENTS - TEKTRONIX
Costituito l'Advisory Board di IVS 2021
Anelli di sicurezza Spirolox®
Misuratore di portata compatto Vortex DVH
Serie TEP 40/60UIR
Gamma completa di micro motoriduttori Brushless DC GGM con elettronica a bordo
Elettroutensili senza filo con batteria intercambiabile
Dispositivo di misurazione multifunzione
Mini Cori-Flow
Regolatore di pressione elettronico
Misuratori di portata di ultima generazione
Motore brushless con driver integrato
Moduli IGBT di Fuji Electric
Soluzioni per l'efficienza energetica SMC
Riscaldatori elettrici
Sensore di corrente HMSR
Attuatori e motori
Gamma completa di micro motoriduttori Brushless DC GGM con elettronica a bordo
Componenti biocompatibili per dosatura fluidi
Certificatore per tutti gli standard di cablaggio
Offerta Marcatore Portatile SIC Marking € 3.900
Connettore M12 Push-Pull: il 1° Standard Internazionale
Contrinex Italia: nuova gamma sensori per linee di saldatura
SmartMotor; Brushless con integrato driver e PROFINET ed Ethercut
Serie GRS-H: i nuovi relè a stato solido Gefran
Serie M12 di Smiths Interconnect - disponibile presso TTI
Relè di sicurezza Micro Size SFM di Panasonic - presso TTI
Offerta Marcatore Portatile SIC Marking € 3.900
Connettore M12 Push-Pull: il 1° Standard Internazionale
Serie GRS-H: i nuovi relè a stato solido Gefran
Relè di sicurezza Micro Size SFM di Panasonic - presso TTI
Molle a onda Crest-to-Crest
Serie RivBee e NutBee di Dalmar
RS Components distribuisce i frenafiletti LOCTITE® di Henkel
Gefran: la serie Performance di Regolatori PID doppio loop
Il nuovo scanner 3D portatile
Rivettatrici a batteria 4.0