Simulatore della strada su rulli rotanti

  Richiedi informazioni / contattami

Il sistema di automazione e di acquisizione di National Instruments utilizzato per prove di fatica reale dei componenti meccanici in autobus, camion e rimorchi

Sistemi di Visione

Simulatore della strada su rulli rotanti
Simulatore della strada su rulli rotanti
Simulatore della strada su rulli rotanti
Simulatore della strada su rulli rotanti
Simulatore della strada su rulli rotanti
Simulatore della strada su rulli rotanti
Simulatore della strada su rulli rotanti
Simulatore della strada su rulli rotanti

La sfida
Realizzare l'intero sistema di automazione e di acquisizione dati per un impianto di test capace di sottoporre veicoli pesanti a reali situazioni di lavoro gravoso per studiarne le criticità meccaniche.

La soluzione
Sviluppare un'architettura basata su un nodo NI PXI Real-Time, tre nodi NI CompactRIO e un computer con OS Windows per distribuire misure, calcoli e attuazioni nei punti strategici del sistema minimizzando i cablaggi e localizzando l'intelligenza. Prodotti utilizzati: NI CompactRIO, NI DIAdem, NI PXI.

Abstract
All'interno dell'Automotive Campus di Helmond (Olanda) è stato costruito un impianto di simulazione stradale su rulli rotanti per testare veicoli pesanti e studiare eventuali criticità meccaniche, gestendo in maniera controllata le singole sollecitazioni e le loro combinazioni. EURINS ha progettato, sviluppato e integrato il sistema di automazione e di acquisizione dati avvalendosi delle piattaforme National Instruments PXI Real-Time e NI CompactRIO, integrate con il software AdaMo.

Caratteristiche del sistema
Posizionando le ruote di un asse sopra una coppia di rulli affioranti dal pavimento che, ruotando fino alla velocità di 100 km/h, spinti da motori elettrici indipendenti, trascinano o frenano l'intera meccanica di un rimorchio oppure l'intera "driveline" (dalle ruote al motore) di una motrice o di un autobus. Il veicolo può inoltre muoversi trasversalmente rispetto all'asse longitudinale dell'impianto, utilizzando porzioni diverse delle superfici dei rulli, il cui diametro di 3 metri fornisce una superficie di contatto e un'inerzia adatte alla simulazione della strada. Grazie alla gestione indipendente delle velocità dei singoli rulli e grazie al montaggio di placche metalliche sulla superficie per simulare le asperità della strada, è possibile realizzare test diversi: di simulazione del carico strada (con veicolo attivo sui rulli; il motore del veicolo li trascina, ma questi oppongono la stessa resistenza di una strada), profili di velocità (con veicolo passivo sui rulli; questi trascinano le ruote a velocità predefinite in un profilo dove i due lati vengono sollecitati in modo asincrono) e prove di temperatura e consumo.

Si tratta di prove automatiche da eseguire in tempo reale per garantirne determinismo e ripetibilità. Parallelamente i nodi distribuiti si occupano di misurare, trasmettere e utilizzare localmente i parametri dinamici che controllano temperature di raffreddamento, posizioni di movimento, velocità e coppie di sollecitazione e sicurezza degli impianti.

Qui di seguito alcuni esempi di integrazione realizzata attraverso la gestione di:
· la velocità e il carico asincroni generati dai rulli derivati dal risultato di parametri continuamente scambiati in Profibus dal PXI con i due drive di potenza indipendenti. I loro algoritmi interni di controllo ad anello chiuso sono bilianciati con gli analoghi eseguiti nei nodi Real-Time connessi in rete ethernet tra loro;

· il raffreddamento dei motori elettrici sulla base di temperature, parametri ambientali di pressione e umidità rilevati in più punti dell'impianto, per evitare shock termici e condensa, secondo leggi variabili durante le prove più lunghe;

· il movimento trasversale del veicolo spostando a velocità variabile un supporto che riproduce il sistema di collegamento di un rimorchio alla propria motrice, in modo da usare le giuste porzioni dei rulli, con o senza le placche, in tempi controllati;

· una rete di sensori laser i cui impulsi vanno modulati in PWM garantendo la nascita di interferenze tra emettitori e ricevitori;

· i due drive di potenza indipendenti (uno per ciascun motore elettrico) mediante comunicazione Profibus, con PXI Real-Time come master primario e uno dei CompactRIO come master ridondato in caso di problemi al PXI, contemporaneamente alla rete ethernet che collega i nodi distribuiti e il computer e quindi costituisce la dorsale del sistema, prevedendo e implementando strategie di sicurezza locali e globali in caso di interruzioni nelle comunicazioni;

· misure all'interno del veicolo contemporaneamente a quelle dell'impianto. Uno dei CompactRIO può essere collegato a seconda delle necessità aggiungendo sensori analogici e interfacciandosi con la rete CAN di bordo, comunicando con il resto del sistema mediante rete ethernet;

· l'azionamento dei freni idraulici le cui pinze sono ridondate in quanto in parte gestite da PXI Real-Time e in parte da uno dei CompactRIO per garantire la frenatura completa. L'intero impianto basa quasi completamente misure e automazioni sul sistema distribuito EURINS. I nodi PXI Real-Time e CompactRIO svolgono il lavoro normalmente demandato a PLC e ad altri sottosistemi, a vantaggio dell'omogeneità di supervisione, con la gestione del banco prova. Alcuni dettagli delle soluzioni tecniche adottate:

· i controller Real-Time dei CompactRIO sono collegati ai rispettivi chips FPGA mediante FIFOs DMA a 64 bits per ottimizzare volumi e tempi di accesso;

· le applicazioni Real-Time in ciascuno dei quattro nodi sono strutturate con un massiccio utilizzo del multithreading e delle diverse priorità di esecuzione, secondo criteri di gerarchia che minimizzano il jitter, anche con carichi di lavoro variabili nel tempo;

· le comunicazioni in rete ethernet tra i nodi distribuiti si basano su un protocollo TCP/IP incrementale e sicuro dove i flussi vengono compattati e ricostruiti bidirezionalmente a vantaggio della continua visibilità di ciascuna misura e processo da parte dei livelli coinvolti. Localmente agiscono le strategie di sicurezza se mancasse la coerenza tra le misure fatte in maniera indipendente e ridondata;

· la telemetria è capace di propagare più livelli di informazioni da e verso la rete, così il computer costituisce l'interfaccia di configurazione per i sistemi distribuiti e mostra continuamente lo stato delle misure e attuazioni gestite, e delle tempistiche presenti all'interno dei singoli thread dei vari processi. Le prove possono essere eseguite manualmente e automaticamente, configurando i criteri d'allarme e le strategie da adottare a seconda delle situazioni;

· i dati salvati vengono automaticamente caricati nel programma National Instruments NI DIAdem: l'ambiente di analisi e generazione di report a completamento della catena software, per l'automatizzazione della presentazione dei risultati;

· vengono utilizzati tre monitors da 24", gruppi di continuità e alimentatori indipendenti per i sottosistemi, hard disk RAID nel computer, reti ethernet indipendenti, rete Profibus ridondata.

Pubblicato il 11 Agosto 2014 - (345 views)
National Instruments Italy Srl
Centro Direzionale Milanofiori Nord Via del Bosco Rinnovato, 8
20090 Assago - Italy
+39-02-413091
+39-02-41309215
Visualizza company profile
Mappa
Più prodotti da questo inserzionista
Transceiver per i sistemi radar
Terminali radio a onde millimetriche
Sistema hardware-in-the-loop
Controller con tecnologia TSN
Dispositivi sincronizzati e robusti
Come selezionare il bus ideale per il tuo sistema di misura
Come selezionare il bus ideale per i sistemi di misura
National Instruments e le nuove versioni di LabVIEW
Guida completa per lo sviluppo di un sistema di misura
Sistema di monitoraggio e controllo riconfigurabile a livello scheda
Come selezionare il bus ideale
Come selezionare il bus ideale
Come selezionare il sensore ideale
Programmazione grafica
Piattaforma integrata hardware e software
Controller CompactRIO
Monitoraggio per il futuro dell'Oil&Gas
Monitoraggio e controllo NI Single-Board RIO
Sistema di visione con Intel Atom
Soluzioni per il futuro dell'Oil&Gas
Articoli correlati
Strumento di progettazione
Sonde ad elevata risoluzione
Nuovi analizzatori per la manutenzione dei motori MDA-510 e MDA-550
Antenne RFID con IO-Link
Lezioni di produzione dallo spazio
Packaging alimentare
Sistema di proiezione laser 3D
Indicatore di posizione intelligente
Sensori O3D di ifm: semplicemente tridimensionali
Display circolari in AMOLED
Condition monitoring
Sensori di rilevamento versatili
Indicatore PS12
Programmatore PK10
Scanner multicanale
Torretta di segnalazione
Indicatore Pioneer
Sensori intelligenti con IO-Link
Fotosensori e barriere fotoelettriche
Sistemi per condition monitoring
Sonde ad elevata risoluzione
Nuovi analizzatori per la manutenzione dei motori MDA-510 e MDA-550
Antenne RFID con IO-Link
Sensori O3D di ifm: semplicemente tridimensionali
Torretta di segnalazione
Targhetta per cavi senza alogeni
Lettore di codici a lunga distanza
Sistema di sorveglianza all-in-one
Sistema di visione artificiale
Termocamera tascabile FLIR C2