Digestione anaerobica di reflui e biomasse: metodi e tecniche per la produzione di biogas

  Richiedi informazioni / contattami

convegno organizzato da Flygt con il supporto scientifico del Politecnico di Milano e quello organizzativo di Fabbrica delle Bionergia

Digestione anaerobica di reflui e biomasse: metodi e tecniche per la produzione di biogas
Digestione anaerobica di reflui e biomasse: metodi e tecniche per la produzione di biogas

Il tema delle energie cosidette "rinnovabili" sta diventando di primaria importanza in ogni settore produttivo: in particolare in agricoltura, dove un buon impianto di produzione di biogas può contribuire in modo significativo ad ottimizzare i rendimenti delle attività agricole e zootecniche, consentendo alle aziende di vendere anche energia oltre che i prodotti tradizionali. Altri paesi, come la Germania, sono ben più avanti di noi nel settore, e gli impianti di produzione di biogas, seppure tutti differenti tra loro per le caratteristiche delle singole aziende agricole, sono ormai abbastanza numerosi da permettere studi comparativi alla ricerca dell'ottimizzazione dei parametri che ne regolano il funzionamento. Flygt, con il supporto scientifico del Politecnico di Milano e quello organizzativo di Fabbrica delle Bionergia, ha organizzato lo scorso 8 giugno a Cremona un convegno su “Digestione anaerobica di reflui e biomasse: metodi e tecniche per la produzione di biogas”: una giornata di studio per dar modo agli operatori del settore di incontrarsi per fare il punto sulle tecnologie più avanzate utilizzate nella realizzazione degli impianti Biogas. Alla parte teorica si è poi affiancata la possibilità di approfondire le tematiche, ed entrare in contatto diretto con questa realtà operativa, durante la visita all’impianto di Pizzighettone.  L' intervento di Marco Leoncavallo della ITT Water & Wastewater ha illustrato i criteri per ottimizzare la miscelazione in un impianto biogas, presentando i risultati di due ricerche effettuate in Germania, che hanno messo in evidenza quali siano i migliori criteri di miscelazione per ottimizzare la produzione di biogas pur riducendo i consumi di questa fase critica del processo. La combinazione di mixer lenti e mixer compatti nei digestori hanno dimostrato, nei fatti, la possibilità di abbattere di quasi il 50% dei consumi energetici e di permettere miglioramenti nella produzione di biogas.

Pubblicato il 13 Luglio 2011 - (6948 views)
Articoli correlati
In che modo i motori di precisione di ultima generazione stanno potenziando l'Internet delle cose e l'industria 4.0
La diciassettesima edizione di MaintenanceStories
Misura e controllo della portata di un gas?
Più di 43.000 articoli normalizzati per le moderne officine
Controllo e tracciabilità dell'avvitatura con un'unica centralina
Martello senza fili
Termocamere a infrarossi a elevata sensibilità termica
L'importanza della sicurezza alimentare
Taglio in metallo duro
Nuovi posizionatori con bus di campo integrato per cambio formato
A&T 2019: Human Based Technology
SURT - Trasmettitore di UR% e °C
PS12 - Indicatore multifunzione
PK10 - Programmatore rampe
Scanner - Indicatore multicanale
EPOS4 con EtherCAT
Interazione di componenti di azionamento
Sistemi di azionamento meccatronici
Sistema di avvitatura elettronico
RODOGRIP di Getecno
Misura e controllo della portata di un gas?
Più di 43.000 articoli normalizzati per le moderne officine
Controllo e tracciabilità dell'avvitatura con un'unica centralina
Termocamere a infrarossi a elevata sensibilità termica
Nuovi posizionatori con bus di campo integrato per cambio formato
Trasmettitori di livello
Sistema di avvitatura elettronico
Curvatrice per tubazioni idrauliche
Attuatore lineare elettrico
Trasmettitori di pressione piezoresistivi
Misura e controllo della portata di un gas?
Controllo e tracciabilità dell'avvitatura con un'unica centralina
Termocamere a infrarossi a elevata sensibilità termica
Cilindri elettrici miniaturizzati
Interruttori d'arresto compatti
Stampante segnaletica
Sensori induttivi full metal con IO-Link
Servomotori DC brushless piatti
Dosatura con ago vs. dosatura a getto, senza contatto
ROTALIGN touch