Renault sceglie Maplesoft

  Richiedi informazioni / contattami

Renault utilizza il software matematico Maple per evitare il grippaggio dei motori

Renault sceglie Maplesoft
Renault sceglie Maplesoft

Il Reparto Ingegneria Meccanica di Renault ha sviluppato un modello Maple che descrive il comportamento generale di un sistema meccanico lubrificato, per predire il grippaggio dei motori. Questo tipo di modellazione, noto come modellazione 0D-1D, si concentra sulla descrizione del comportamento fisico nel tempo. In questo modo, il costruttore è in grado di evitare i costi addizionali, stimati fra 1 e 2 milioni di euro, che nascono quando il primo prototipo di un motore manifesta una tendenza al grippaggio. Il problema del grippaggio può verificarsi in molti sistemi meccanici complessi. Esso è il risultato di un elevato squilibrio termico fra l´energia fornita e quella dissipata e può assumere una serie di forme differenti, incluso ad esempio un improvviso incremento del coefficiente di attrito, il riscaldamento e la distruzione di parti meccaniche in contatto e/o il blocco del movimento nel sistema meccanico. Evitare questo tipo di guasto è un problema fondamentale per i progettisti di motori termici, soprattutto fra i costruttori di automobili. Quando il primo prototipo manifesta una tendenza a grippare, ciò può portare a ritardi a e costi addizionali considerevoli, per non citare i costi addizionali derivanti dal ritardo nel progetto, che aumentano significativamente mano a mano che il lancio della produzione si avvicina. Dietro il grippaggio di un sistema vi possono essere molte cause: una tolleranza troppo scarsa o troppo elevata, superfici rugose, inquinamento, ecc. Ma una cosa è certa: un modello che rende possibile predire il grippaggio e aiuta a formulare raccomandazioni di progetto è un bene critico per il progettista. Lo scopo del modello Maple è descrivere il comportamento fisico generale di un sistema meccanico lubrificato, calcolando il comportamento del sistema in un numero limitato di punti e per le grandezze fisiche necessarie a predire il grippaggio. A differenza dei modelli dettagliati, come quelli a elementi finiti, i modelli 0D-1D permettono una buona interpretazione dei risultati e offrono inoltre possibilità di ottimizzazione molto più potenti e molto più veloci. Il modello sviluppato da Renault consiste di due parti. La prima parte è usata per costruire tabelle di dati da un modello di lubrificazione preesistente. La seconda parte riguarda gli aspetti di tipo termico, in base alle tabelle citate sopra. Fisicamente, la modellazione nel suo complesso considera due superfici meccaniche cilindriche in una situazione di lubrificazione mista. Edited by: Alessandra Basile

Pubblicato il 16 Settembre 2010 - (1716 views)
Articoli correlati
La promozione di Fluke per la primavera 2019
In arrivo la sesta edizione di Energy
L’edizione 2019 di LAMIERA
In che modo i motori di precisione di ultima generazione stanno potenziando l'Internet delle cose e l'industria 4.0
La diciassettesima edizione di MaintenanceStories
Misura e controllo della portata di un gas?
Più di 43.000 articoli normalizzati per le moderne officine
Controllo e tracciabilità dell'avvitatura con un'unica centralina
Martello senza fili
Termocamere a infrarossi a elevata sensibilità termica
A&T 2019: Human Based Technology
SURT - Trasmettitore di UR% e °C
PS12 - Indicatore multifunzione
PK10 - Programmatore rampe
Scanner - Indicatore multicanale
EPOS4 con EtherCAT
Interazione di componenti di azionamento
Sistemi di azionamento meccatronici
Sistema di avvitatura elettronico
RODOGRIP di Getecno
Misura e controllo della portata di un gas?
Più di 43.000 articoli normalizzati per le moderne officine
Controllo e tracciabilità dell'avvitatura con un'unica centralina
Termocamere a infrarossi a elevata sensibilità termica
Nuovi posizionatori con bus di campo integrato per cambio formato
Trasmettitori di livello
Sistema di avvitatura elettronico
Curvatrice per tubazioni idrauliche
Attuatore lineare elettrico
Trasmettitori di pressione piezoresistivi
Misura e controllo della portata di un gas?
Controllo e tracciabilità dell'avvitatura con un'unica centralina
Termocamere a infrarossi a elevata sensibilità termica
Cilindri elettrici miniaturizzati
Interruttori d'arresto compatti
Stampante segnaletica
Sensori induttivi full metal con IO-Link
Servomotori DC brushless piatti
Dosatura con ago vs. dosatura a getto, senza contatto
ROTALIGN touch