Siemens ha tenuto il corso accademico Macchine Utensili al Politecnico di Milano

  Richiedi informazioni / contattami

l'azienda collabora per formare figure professionali del futuro con la consegna degli attestati di frequenza

Giuliano Busetto, CEO delle Divisioni Digital Factory e Process Industries and Drives di Siemens Italia
Giuliano Busetto, CEO delle Divisioni Digital Factory e Process Industries and Drives di Siemens Italia

La richiesta maggiore che arriva dall'industria manifatturiera riguarda figure professionali con competenze specifiche nella meccanica e nel software di programmazione. Siemens e il Politecnico di Milano, insieme alla Fondazione Politecnico di Milano - di cui Siemens è socio fondatore - mettono a disposizione degli studenti del terzo anno del Corso di Studi in Ingegneria Meccanica del Polo Territoriale di Piacenza del Politecnico, il corso di "Macchine utensili" presso il Centro Tecnologico Applicativo (TAC) di Siemens a Piacenza.

"Siemens Italia è in prima linea nel rispondere alle esigenze del mercato del lavoro grazie anche alle proprie attività presso il Centro Tecnologico di Piacenza che rientrano in un progetto di sempre maggiore attenzione riservata alla formazione di profili professionali" ha affermato Giuliano Busetto, CEO delle Divisioni Digital Factory e Process Industries and Drives di Siemens Italia in occasione della cerimonia di consegna degli attestati di frequenza agli studenti.

Il corso universitario, giunto alla quarta edizione e nato dall'esperienza e dal knowhow di Siemens nel settore delle macchine utensili, ha l'obiettivo di formare i giovani studenti coniugando didattica e pratica grazie alla possibilità di utilizzare gli strumenti e le macchine con cui lavoreranno un domani in azienda. Sede ideale per fornire lezioni teoriche, esercitazioni pratiche e visite formative presso le aziende del settore, il TAC di Piacenza offre la possibilità di operare in una factory digitale a tutti gli effetti, dotata di macchinari avanzati e degli strumenti necessari per progettare e produrre pezzi - semplici ma anche estremamente complessi - per monitorare la produzione, l'efficienza e la produttività delle macchine.

In un'ottica di sempre maggiore digitalizzazione, i futuri ingegneri dovranno acquisire un bagaglio di competenze professionalizzanti e specifiche sempre maggiore: la fabbrica digitale necessita, infatti, di professionisti qualificati non solo nella lavorazione su macchina utensile, ma anche capaci di far dialogare la macchina con il computer.

Pubblicato il 2 Febbraio 2015 - (43 views)
Articoli correlati
Tre connettori push-pull per applicazioni industriali futuristiche
Il successo di MECSPE Parma 2019
III Edizione di IVS – INDUSTRIAL VALVE SUMMIT
Sensori di pressione per pompe idrauliche ausiliarie
Sito web per la filiale italiana di Stahwille
THL 15WI: convertitore CC/CC da 15 watt
Soluzione integrata per controllo e automazione
Il rasoio di Occam
EUJEPA, le novità dell'accordo in materia d'origine
"NTN-SNR, un marchio tatuato sulla nostra pelle"
Sensori a isolamento
Soluzioni per accelerare il passaggio al 4.0
Sensori a soppressione di sfondo
Prodotti per il controllo della temperatura
Servo motori C.C. brushless
Encoder assoluti a lettura ottica
Teste a snodo Aurora
Prodotti per ogni settore industriale
Valvole per applicazione di pasta saldante
SENSORI A BASSA TENSIONE
Modulo trasportatore lineare
Attuatori elettrici con funzione soft-landing
Guida agli studi sui carichi con i registratori di rete ed energia Fluke
Sette ragioni per scegliere un trasduttore di pressione con cella in ceramica
Dovete misurare in modo continuo un livello fino a 100m di profondità (H2O)?
Sensore laser a tecnologia avanzata
Nuovi sensori di flusso per applicazioni monouso
Smistamento bottiglie ad alta velocità
Analizzatore di combustione intuitivo
Encoder lineare assoluto magnetico