Troppe richieste per gli incentivi al consumo

  Richiedi informazioni / contattami

in molti rischiano di non incassarli e aumentano le polemiche

Troppe richieste per gli incentivi al consumo
Troppe richieste per gli incentivi al consumo

Proseguono le polemiche sulle modalità di prenotazione degli sconti, in particolare per il settore dei motocicli dove le risorse, 12 milioni sui 300 stanziati dal ministero dello Sviluppo economico, sono già in via d’esaurimento. La procedura che impone ai venditori di verificare presso i call center la possibilità di ricevere gli incentivi ha portato a lunghi tempi d’attesa. Tuttavia tale processo non può non essere effettuato, la legge infatti obbliga i venditori a stipulare subito il contratto di acquisto del ciclomotore, dando loro due giorni di tempo per verificare telefonicamente la sussistenza delle risorse. Se al termine dei due giorni la risposta sarà stata positiva l’acquirente dovrà versare l’acconto che lo vincolerà all'acquisto. Qualora gli incentivi risulteranno terminati l’acquirente sarà estromesso dall’obbligo di acquisto e il venditore dovrà annullare il contratto. Lo scorso anno il meccanismo degli incentivi, messo a punto dal ministero dell’Ambiente, era più semplice perché prevedeva un credito d’imposta. Qui invece cambia di contratto in contratto. I tecnici del ministero hanno deciso che lo sconto del 10% vada calcolato non sul prezzo di listino, com’era stato per i vecchi incentivi, ma su quello finale. Se dunque un venditore ha applicato un proprio sconto sul listino si ritrova a incamerare un incentivo più basso. Il problema scaturisce dal fatto che il nuovo sistema sia stato comunicato quando ai rivenditori era già stato inviato il vecchio schema.

Pubblicato il 27 Aprile 2010 - (907 views)
Articoli correlati
Cento anni di FACOM
A Dortmund il primo centro di manutenzione ferroviaria digitale di Siemens Mobility
Nasce energy wave, società dedicata all’efficienza energetica
Cosa devono sapere gli ingegneri industriali sulla sicurezza funzionale
Nuovo amministratore delegato in Turck Banner Italia
Convertitori di frequenza VFD
Un unico riferimento per numerose soluzioni
Sensori di immagine avanzati
Integrazione chip-antenna plug-and-play
Sistema di misura Quality Automotive Radome
Indicatore multifunzione PS-12
Misuratori di portata
Regolatore di portata dei flussi
Regolatore elettronico di pressione
Trasmettitore di UR% e °C
Programmatore rampe PK10
Scanner - indicatore multicanale
Machine controller card
Distributore di alto livello
Valvola Liquidyn P-Jet SolderPlus
Regolatore di portata dei flussi
Regolatore elettronico di pressione
Motoriduttori per nastri trasportatori
Integrazione chip-antenna plug-and-play
Sensore radar con Bluetooth
Pattern sensor
Monitoraggio sensorless della frequenza
Da monitoraggio vibrazioni a Real Time Maintenance
Drive applicativi su misura
Pistole manuali, pneumatiche e cordless per la dosatura di adesivi bi-componenti
A Dortmund il primo centro di manutenzione ferroviaria digitale di Siemens Mobility
Sistema di misura Quality Automotive Radome
Tecnologia per dosatura a getto dei fluidi
Termocamera per smartphone
Sensore fotoelettrico per IoT
La saldatura del futuro per aerospace e automotive
Nuovo sensore Smart Valve serie MVQ
Nuova OGDCube: sensore tempo di volo compatto
Torcia di sicurezza con doppio fascio
Sistema di riparazione nastri