Lavoro: cosa cambia con la "Riforma Fornero"

  Richiedi informazioni / contattami

Una panoramica sui principali interventi di modifica ai rapporti contrattuali

Lavoro: cosa cambia con la "Riforma Fornero"
Lavoro: cosa cambia con la "Riforma Fornero"
Lavoro: cosa cambia con la "Riforma Fornero"
Lavoro: cosa cambia con la "Riforma Fornero"

Il 18 luglio 2012 è entrata in vigore la riforma del mercato del lavoro, meglio nota come "riforma Fornero", che cambia profondamente la gestione del personale nel rapporto con le aziende. Ma come si traduce questa novità in termini concreti? Vediamo di analizzare gli elementi chiave.

Il punto più controverso riguarda la disciplina dell'Articolo 18, per cui sono state stabilite tre tipologie di licenziamento, estese anche alle aziende con meno di 15 dipendenti:

  • Discriminatorio - Il licenziamento è da ritenersi sempre illegittimo e il reintegro del lavoratore è obbligatorio.
  • Economico - Prevede il reintegro solo in caso di "manifesta insussistenza" della motivazione. Per gli altri casi si ottiene un risarcimento.
  • Disciplinare - Reintegro o risarcimento vengono stabiliti dal giudice che deve tenere conto anche della disciplina dei contratti collettivi oltre che della legge.

Uno degli interventi più importanti riguarda la modifica alla disciplina dei rinnovi del contratto a termine, messa in atto per combatterne l'utilizzo spesso elusivo, che nasconde in realtà una natura a tempo indeterminato del rapporto di lavoro tra datore e lavoratore. Un'indicazione espressa anche nella dichiarazione di intenti della riforma, ove si specifica come il contratto a tempo indeterminato vada considerata "la forma comune di rapporto di lavoro".

Un primo deterrente è nella scelta di aumentare da 10 a 60 giorni l'intervallo di tempo obbligatorio tra la scadenza di un contratto a termine di 6 mesi - o inferiore - e la stipula di uno nuovo, e da 20 a 90 per quelli di durata superiore. Un fattore che rende non conveniente il rinnovo dello stesso, dato che le aziende avranno meno interesse a rimanere senza lavoratore per intervalli così lunghi.

Un secondo intervento è nella scelta di istituire un nuovo contratto a termine definito "acausale", che di fatto mira a liberalizzare il primo rapporto di lavoro a tempo determinato. Alcuni punti cardine di questa nuova formula:

  • il contratto a termine dev'essere il primo stipulato tra le parti;
  • la durata massima dev'essere di dodici mesi;
  • non prevede la causale giustificativa dell'apposizione del termine;
  • il lavoratore non deve aver già lavorato in somministrazione di lavoro per lo stesso datore;
  • non può essere prorogato.In sostanza, il contratto assume i connotati di un "periodo di prova" di un anno.

Cosa cambia per le imprese?
La conseguenza immediata consiste nel facilitare le scelte sull'assunzione di un lavoratore a tempo determinato: l'assenza - sul contratto - della ragione giustificativa del termine evita il rischio che indicazioni non perfettamente specificate o insufficienti comportino infatti l'obbligo di una trasformazione dello stesso in indeterminato.

D'altra parte ciò favorisce, alla scadenza del contratto, l'assunzione di un nuovo lavoratore a termine anziché la stabilizzazione del dipendente già in azienda da 12 mesi (specie laddove il ricambio non influisce negativamente sulla produttività).

Ulteriore novità anche per quanto riguarda il contratto di apprendistato, per cui viene introdotta la durata minima obbligatoria di sei mesi (fatte salve le attività stagionali). In particolare, nelle aziende con più di nove dipendenti, è fissato un tetto massimo di tre apprendisti assumibili ogni due maestranze qualificate in servizio e l'obbligo di confermare almeno il 50% degli apprendisti assunti negli ultimi tre anni, pena il divieto di assumerne di nuovi.

 

Troverai il resto dell'articolo nel numero di settembre de Il Distributore Industriale

Pubblicato il 26 Settembre 2012 - (418 views)
TIMGlobal Media Media Srl Con Socio Unico
Centro Commerciale Milano San Felice, 2
20090 Segrate - Italy
+39-02-7030631
+39-02-70306350
Visualizza company profile
Descrizione

Dal 1975 TIMGlobal Media (già Thomas Industrial Media) si propone l’obiettivo di soddisfare le esigenze dei professionisti industriali attraverso la divulgazione delle più aggiornate informazioni sul mercato.

Attraverso riviste cartacee, contenuti digitali e multimediali, TIMGlobal Media rappresenta una fonte di informazioni specifiche per tutti i processi di acquisto industriali.

Copriamo l'intero territorio europeo con Ie riviste IEN Europe, PCN Europe, Energy Efficiency: Business & Industry, mentre per i diversi mercati nazionali offriamo: IEN D-A-CH in Germania; PEI e ECI Electronique Composants & Instrumentation in Francia; IEN Italia, Il Distributore Industriale, Manutenzione-Tecnica & Management, CMI-Costruzione e Manutenzione Impianti in Italia; Endüstri Dünyasi in Turchia. Il nostro obiettivo è quello di rappresentare al meglio il punto di contatto tra acquirenti e fornitori ed essere il fornitore di soluzioni per l'intero processo di acquisto industriale.

Raggiungiamo questo obiettivo divulgando conoscenza tecnica, supportando la ricerca di nuovi fornitori, fornendo informazioni aggiornate sui prodotti e sulle aziende e offrendo vantaggi concreti a inserzionisti e utenti.

Se la tua azienda ha bisogno di essere promossa in Germania, Francia, Italia, Turchia o in tutta Europa, TIMGlobal Media ti può offrire un mix personalizzato di servizi di marketing, pubblicità e attività redazionali attraverso un panorama completo di supporti cartacei, digitali e online.

Mappa
Più prodotti da questo inserzionista
Vinci un Premium Pass per HANNOVER MESSE 2013
Soluzioni tecnologiche per la strumentazione di misura e controllo
SPS Italia: i segreti di una seconda edizione da record
Alla scoperta del Canada, l’american dream del terzo millennio
Energia+Empatia=Leadership al quadrato
E-commerce: Italia agli ultimi posti in Europa
I vantaggi delle partnership tra diverse tipologie di azienda
L’importanza dell’email marketing nelle strategie d’impresa
Green economy: mercato in standby o bolla finanziaria?
Gestire l’invecchiamento degli impianti
Articoli correlati
Distribuzione, monitoraggio e Service di manutenzione
70 anni di successi grazie a flessibilità e ascolto del cliente
Big Kaiser festeggia 70 anni dalla fondazione
Unitec presente alla prossima Euroblech di Hannover
Il gruppo Camozzi investe nell'industria aerospaziale
Workshop gratuiti con Stahlwille
Giravite torsiometrico elettromeccanico con stop tattile
JEFTA, tempistiche e novità dell’accordo tra UE e Giappone
Le 5S del Kaizen
Segmenti lamellari a esecuzione semplice e doppia
Hardware Forum 2018
Accessori per pneumatica e oleodinamica
Cuscinetti orientabili a rulli schermati
Impianti produttivi efficienti
Cuscinetti e unità lineari lubrificati
Componenti meccanici per l'industria
Consulenza applicativa per utensileria
Maschi per materiali specifici
Utensili a mano multiuso
Sistema di tubi e raccordi
Confermarsi un partner affidabile per l’industria di oggi e del futuro
Elettrovalvola per alto vuoto
Distributore non metallico per sistemi di lubrificazione
Analizzatori di ossigeno per l'ottimizzazione della combustione
Tester elettrici senza contatto
Centesimo anniversario di Parker Hannifin
Multimetro con tecnologia Igm
Gateway Modbus per comunicazioni tra network
Relazioni fra imprese, strumento di competitività
UE, pubblicato l’Annual Report on European SMEs