Gestire l’invecchiamento degli impianti

  Richiedi informazioni / contattami

Nodo cruciale dell'asset integrity management

Variazione del danno accumulato durante la vita di un equipment
Variazione del danno accumulato durante la vita di un equipment
Saverio Albanese, Responsabile Manutenzione e Gestione Materiali Tecnici Eni Versalis
Saverio Albanese, Responsabile Manutenzione e Gestione Materiali Tecnici Eni Versalis

La gestione dell'abilità di un asset a svolgere in modo efficace ed efficiente - durante tutto il suo ciclo di vita - la funzione richiesta nel rispetto della salute, sicurezza e dell'ambiente è ciò che oggi associamo al concetto di asset integrity management.

Quando si parla di asset integrity management una questione assolutamente rilevante è l'invecchiamento dell'asset. In un periodo come quello attuale è fondamentale gestire impianti nel settore dell'industria e ancora di più se ricadenti all'interno dei cosiddetti "impianti ad alto rischio di incidente rilevante" in relazione al fenomeno di invecchiamento, soprattutto adesso che incominciano ad avere, in più di qualche caso, oltre i quarant'anni di vita e in virtù della forte attenzione ai costi, derivante anche dalla crisi economica.

Ricerche recenti mostrano che il 50% degli incidenti rilevanti scaturiti da guasti di tipo tecnico sugli impianti sono stati essenzialmente causati da meccanismi di invecchiamento. Tra il 1980 e il 2006 ci sono stati 96 incidenti rilevanti riportati nel database dell'Unione Europea principalmente causati da fenomeni di invecchiamento. Questi eventi hanno comportato 11 morti, 183 feriti e oltre 170 M€ di perdite economiche, dimostrando l'impatto dei disservizi derivanti dall'invecchiamento degli impianti sulla sicurezza e sulle performance del business.

La prima cosa da chiarire è che l'invecchiamento dell'asset non è necessariamente correlato con l'età anagrafica dell'item, quanto al suo stato di degrado derivante da fenomeni di danneggiamento come l'erosione, la corrosione e la fatica, che possono determinare un aumento della probabilità di guasto durante la sua vita. Sono questi infatti i meccanismi di danno più comuni che possono determinarne l'invecchiamento, anche precoce, se non opportunamente rilevati, controllati e monitorati, provocando un effetto potenziale in termini di funzionalità, disponibilità, affidabilità e sicurezza. Accanto a questi meccanismi di danno, e non solo nel campo dell'industria, assume una notevole rilevanza anche la gestione delle apparecchiature elettriche, dei sistemi di controllo e delle apparecchiature strumentali e la corretta esecuzione delle attività di taratura e test in accordo con i piani emessi. In generale, si può affermare che la definizione di opportuni piani di controllo e ispezione e la loro corretta implementazione rappresenta un caposaldo per la gestione del fenomeno di invecchiamento degli item.

L'approccio da seguire per gestire l'invecchiamento degli asset dovrebbe essere basato sul rischio attraverso l'identificazione del fenomeno di invecchiamento, laddove può manifestarsi (alte temperature, oscillazione di pressione, aggressività chimica, utilizzo di materiali differenti, condizioni ambientali aggressive, sistemi di controllo elettrici e strumentali obsoleti e non più supportati dal fornitore ecc.) l'aumento della copertura, della frequenza e della profondità di ispezione e di manutenzione e infine con la sostituzione o la riclassificazione dell'item. È inoltre fondamentale definire chiari ruoli e responsabilità, sia per il personale aziendale che di impresa terza, e la gestione delle modifiche in termini di motivazione, ownership, verifica e registrazione di ciò che è stato realizzato. L'invecchiamento degli item dovrebbe, pertanto, essere gestito come parte di un ben strutturato sistema di gestione della salute, della sicurezza e dell'ambiente.

 

A cura di Saverio ALBANESE

Pubblicato il 26 Settembre 2012 - (248 views)
TIMGlobal Media Media Srl Con Socio Unico
Centro Commerciale Milano San Felice, 2
20090 Segrate - Italy
+39-02-7030631
+39-02-70306350
Visualizza company profile
Descrizione

Dal 1975 TIMGlobal Media (già Thomas Industrial Media) si propone l’obiettivo di soddisfare le esigenze dei professionisti industriali attraverso la divulgazione delle più aggiornate informazioni sul mercato.

Attraverso riviste cartacee, contenuti digitali e multimediali, TIMGlobal Media rappresenta una fonte di informazioni specifiche per tutti i processi di acquisto industriali.

Copriamo l'intero territorio europeo con Ie riviste IEN Europe, PCN Europe, Energy Efficiency: Business & Industry, mentre per i diversi mercati nazionali offriamo: IEN D-A-CH in Germania; PEI e ECI Electronique Composants & Instrumentation in Francia; IEN Italia, Il Distributore Industriale, Manutenzione-Tecnica & Management, CMI-Costruzione e Manutenzione Impianti in Italia; Endüstri Dünyasi in Turchia. Il nostro obiettivo è quello di rappresentare al meglio il punto di contatto tra acquirenti e fornitori ed essere il fornitore di soluzioni per l'intero processo di acquisto industriale.

Raggiungiamo questo obiettivo divulgando conoscenza tecnica, supportando la ricerca di nuovi fornitori, fornendo informazioni aggiornate sui prodotti e sulle aziende e offrendo vantaggi concreti a inserzionisti e utenti.

Se la tua azienda ha bisogno di essere promossa in Germania, Francia, Italia, Turchia o in tutta Europa, TIMGlobal Media ti può offrire un mix personalizzato di servizi di marketing, pubblicità e attività redazionali attraverso un panorama completo di supporti cartacei, digitali e online.

Mappa
Più prodotti da questo inserzionista
Vinci un Premium Pass per HANNOVER MESSE 2013
Soluzioni tecnologiche per la strumentazione di misura e controllo
SPS Italia: i segreti di una seconda edizione da record
Alla scoperta del Canada, l’american dream del terzo millennio
Lavoro: cosa cambia con la "Riforma Fornero"
Energia+Empatia=Leadership al quadrato
E-commerce: Italia agli ultimi posti in Europa
I vantaggi delle partnership tra diverse tipologie di azienda
L’importanza dell’email marketing nelle strategie d’impresa
Green economy: mercato in standby o bolla finanziaria?
Articoli correlati
I controrulli per tensospianatrici di Unitec a Euroblech
Inaugurato l’Innovation Lab di Omron
Cento anni di FACOM
A Dortmund il primo centro di manutenzione ferroviaria digitale di Siemens Mobility
Nasce energy wave, società dedicata all’efficienza energetica
Cosa devono sapere gli ingegneri industriali sulla sicurezza funzionale
Nuovo amministratore delegato in Turck Banner Italia
Convertitori di frequenza VFD
Un unico riferimento per numerose soluzioni
Sensori di immagine avanzati
Indicatore multifunzione PS-12
Misuratori di portata
Regolatore di portata dei flussi
Regolatore elettronico di pressione
Trasmettitore di UR% e °C
Programmatore rampe PK10
Scanner - indicatore multicanale
Machine controller card
Distributore di alto livello
Valvola Liquidyn P-Jet SolderPlus
Regolatore di portata dei flussi
Regolatore elettronico di pressione
Motoriduttori per nastri trasportatori
Integrazione chip-antenna plug-and-play
Sensore radar con Bluetooth
Pattern sensor
Monitoraggio sensorless della frequenza
Da monitoraggio vibrazioni a Real Time Maintenance
Drive applicativi su misura
Pistole manuali, pneumatiche e cordless per la dosatura di adesivi bi-componenti
A Dortmund il primo centro di manutenzione ferroviaria digitale di Siemens Mobility
Sistema di misura Quality Automotive Radome
Tecnologia per dosatura a getto dei fluidi
Termocamera per smartphone
Sensore fotoelettrico per IoT
La saldatura del futuro per aerospace e automotive
Nuovo sensore Smart Valve serie MVQ
Nuova OGDCube: sensore tempo di volo compatto
Torcia di sicurezza con doppio fascio
Sistema di riparazione nastri