Prevenire allarmi e blocchi critici con il Safety Integrity Level

  Richiedi informazioni / contattami

L’importanza della valutazione dei rischi per impianti esistenti

Livelli di integrità SIL di una SIF (“low demand mode”) e relazione con la PFD
Livelli di integrità SIL di una SIF (“low demand mode”) e relazione con la PFD
Esempio grafico di una SIF
Esempio grafico di una SIF

L'affidabilità della strumentazione che controlla i processi influisce fortemente sui costi di trasformazione, in quanto loro malfunzionamenti possono determinare effetti quali fermate di emergenza di impianti, guasti/rotture di macchine, sporcamenti di apparecchiature/strumentazione, peggioramento della qualità dei prodotti e impatti ambientali e di sicurezza.

L'applicazione dei sistemi di gestione ha permesso di incrementare il grado di affidabilità dei sistemi in relazione ai target assegnati (salute, sicurezza, ambiente, affidabilità ecc.). Componenti essenziali dei sistemi di gestione sono i principi della qualità.

La valutazione del rischio di allarmi e blocchi critici ha acquisito, negli ultimi anni, un rilievo via via maggiore, tenuto conto degli scenari industriali fortemente competitivi che vedono confrontarsi i paesi europei con paesi emergenti nei quali i costi di materie prime e utilities sono spesso particolarmente contenuti e, al contempo, gli impianti di trasformazione sono più recenti.

Il presente documento fornisce indicazioni metodologiche per verificare il grado di affidabilità (di seguito SILverification) della strumentazione presente su impianti esistenti, ovvero il grado di integrità SIL (Safety Integrity Level) delle SIF (Safety Instrumented Functions) di SIS (Safety Instrument Systems) poste a controllo di un processo industriale esistente in relazione a obiettivi (ambientali, di sicurezza e salute delle persone, di affidabilità ecc.) che ci si prefigge di raggiungere.

La metodologia segue gli standard di riferimento IEC 61508 "Functional safety of electrical/electronic/programmable electronic safety-related systems" e IEC 61511 "Functional safety - Safety instrumented systems for the process industry sector" con riferimento a SIF che operano in "low demand mode", per le quali cioè il tempo tra ogni richiesta di attuazione della SIF da parte del processo è molto superiore all'intervallo tra prove periodiche e l'intervallo tra diagnosi automatiche. L'analisi identifica, per ogni SIF, il livello di "affidabilità" richiesto in modo numerico (fig. 1).

Tale attività è effettuata a valle di un'attività di identificazione del Livello di SILallocation, la quale, partendo da documentazione di processo (P&I, diagrammi causa-effetto, studi Hazop, descrizione del processo, disegni di lay out, dati di produzione, set up strumentazione di processo, PSV ed RD, specifiche di linee e apparecchiature, programmi di ispezione e di manutenzione ecc.) individua le conseguenze economiche sulle persone e sull'ambiente, la possibilità di evitare lo scenario e i livelli di protezione indipendenti e successivamente identifica, combinando tali parametri con il metodo del risk graph, il valore di SILallocation di ogni loop critico (SIF di una SIS).

In sostanza il SILallocation rappresenta il livello di sicurezza che vogliamo ottenere dal loop in relazione ai target definiti mentre il valore di SILverification è il livello di sicurezza che abbiamo sul loop esistente oppure è il livello di sicurezza che richiediamo al fornitore di nuovi loop.Dal confronto tra il valore del SILallocation e il valore del SILverification possono verificarsi i seguenti casi: se SILallocation ≤ SILverification sono proposte azioni di mantenimento o limitazioni (se necessarie) e viene rilasciata l'"attestazione" di conformità alla norma; se SILallocation > SILverification devono essere identificate le motivazioni e definiti gli interventi al fine di portare i due valori almeno a coincidere agendo su elementi o sottoelementi del loop critico.

La Funzione di Sicurezza Strumentata (SIF) è realizzata da un Sistema Strumentato di Sicurezza (SIS) hardware/software che è costituito da tre sottosistemi principali: sensori e interfacce, logica di elaborazione (logic solver) dei segnali dei sensori e comandi sugli elementi finali.

La norma IEC61508/11 distingue i guasti di una SIF in guasti rivelati (ossia quei guasti rivelati dalla diagnostica interna del SIS durante il normale funzionamento del SIS o con test periodici in esercizio; di fatto guasti sicuri) da guasti non rivelati (ossia quei guasti che si possono individuare soltanto in occasione della manutenzione periodica del SIS a fermata impianti; sono di fatto pericolosi poiché in caso di intervento potrebbero essere non funzionanti); una parte dei guasti non rivelati sono definiti sicuri in quanto non sono pericolosi per il loop.

La determinazione del valore di SILverification parte dal calcolo della frazione (SFF) dei guasti non pericolosi (la somma dei guasti rivelati e di quelli non rivelati ma sicuri) rispetto ai guasti totali.Il parametro SFF è valutato mediante l'applicazione di una specifica analisi di guasto (Failure Mode, Effect and Diagnostic Analysis: FMEDA) a ciascuno dei componenti il loop.

Tale parametro si combina con il parametro di tolleranza al guasto hardware (HFT) dell'elemento corrispondente. Una tolleranza al guasto hardware (HFT) di un componente N (esempio N=1 un sensore con tolleranza al guasto di uno) significa che ho N+1 componenti a protezione della funzione di sicurezza SIF del SIS (esempio N=1+1=2 ossia se un sensore si guasta ce n'è sempre un altro a protezione della SIF).

È questo il caso dei sistemi progettati con una logica di voting maggioritario di 1 su 2 (1OO2): se uno dei due sensori è guasto c'è comunque l'altro ad attuare la funzione di sicurezza.

 

A cura di Francesco Del Litto

Continua a leggere il resto dell'articolo sul numero di settembre di Manutenzione

Pubblicato il 26 Settembre 2012 - (150 views)
TIMGlobal Media Media Srl Con Socio Unico
Centro Commerciale Milano San Felice, 2
20090 Segrate - Italy
+39-02-7030631
+39-02-70306350
Visualizza company profile
Descrizione

Dal 1975 TIMGlobal Media (già Thomas Industrial Media) si propone l’obiettivo di soddisfare le esigenze dei professionisti industriali attraverso la divulgazione delle più aggiornate informazioni sul mercato.

Attraverso riviste cartacee, contenuti digitali e multimediali, TIMGlobal Media rappresenta una fonte di informazioni specifiche per tutti i processi di acquisto industriali.

Copriamo l'intero territorio europeo con Ie riviste IEN Europe, PCN Europe, Energy Efficiency: Business & Industry, mentre per i diversi mercati nazionali offriamo: IEN D-A-CH in Germania; PEI e ECI Electronique Composants & Instrumentation in Francia; IEN Italia, Il Distributore Industriale, Manutenzione-Tecnica & Management, CMI-Costruzione e Manutenzione Impianti in Italia; Endüstri Dünyasi in Turchia. Il nostro obiettivo è quello di rappresentare al meglio il punto di contatto tra acquirenti e fornitori ed essere il fornitore di soluzioni per l'intero processo di acquisto industriale.

Raggiungiamo questo obiettivo divulgando conoscenza tecnica, supportando la ricerca di nuovi fornitori, fornendo informazioni aggiornate sui prodotti e sulle aziende e offrendo vantaggi concreti a inserzionisti e utenti.

Se la tua azienda ha bisogno di essere promossa in Germania, Francia, Italia, Turchia o in tutta Europa, TIMGlobal Media ti può offrire un mix personalizzato di servizi di marketing, pubblicità e attività redazionali attraverso un panorama completo di supporti cartacei, digitali e online.

Mappa
Più prodotti da questo inserzionista
Vinci un Premium Pass per HANNOVER MESSE 2013
Soluzioni tecnologiche per la strumentazione di misura e controllo
SPS Italia: i segreti di una seconda edizione da record
Alla scoperta del Canada, l’american dream del terzo millennio
Lavoro: cosa cambia con la "Riforma Fornero"
Energia+Empatia=Leadership al quadrato
E-commerce: Italia agli ultimi posti in Europa
I vantaggi delle partnership tra diverse tipologie di azienda
L’importanza dell’email marketing nelle strategie d’impresa
Green economy: mercato in standby o bolla finanziaria?
Articoli correlati
L'importanza del processo di rintracciabilità
Soluzioni IO-Link per l'industria alimentare
Sensore di livello radar per solidi in pezzatura
Smart datalogger
Tecnologia drive-by-wire
Fotocellule a soppressione di sfondo e a riflessione
Giravite torsiometrico elettromeccanico con stop tattile
JEFTA, tempistiche e novità dell’accordo tra UE e Giappone
Le 5S del Kaizen
Segmenti lamellari a esecuzione semplice e doppia
Dimensionamento oggetti rettangolari
Applicazioni Pick&Place
Sistema depallettizzazione di colli
Misuratore di portata minuscolo
Regolatore elettronico di pressione
Misuratori e regolatori di ultima generazione
Interruttore con elettromagnete
Motore flat per coppie elevate
Controller che comunica con Ethercat
Sistema di posizionamento ad alta precisione
Motore flat per coppie elevate
Sistema di posizionamento ad alta precisione
Cambio formato per macchine
Smart datalogger
Massima precisione per sistemi di cambio utensile automatici
Kit di sviluppo IoT
Boroscopi per ispezioni
Stampanti F123: adatte a ogni fase della prototipazione
Nuovi analizzatori per la manutenzione dei motori MDA-510 e MDA-550
Trasduttore magnetostrittivo di spostamento
Dimensionamento oggetti rettangolari
Sistema depallettizzazione di colli
Sensore 3D con App integrate
Sonde per macchine riempitrici
Rilevatori a ultrasuoni
Boroscopi per ispezioni
A Dortmund il primo centro di manutenzione ferroviaria digitale di Siemens Mobility
Sistema di misura Quality Automotive Radome
Tecnologia per dosatura a getto dei fluidi
Termocamera per smartphone