Sensori di posizione con tecnologia magnetostrittiva

  Richiedi informazioni / contattami

il trasduttore è in grado di gestire da uno a quattro cursori su un unico sensore

Sensori & Trasmettitori

Sensori di posizione con tecnologia magnetostrittiva
Sensori di posizione con tecnologia magnetostrittiva

Gefran di Provaglio di Iseo (BS) amplia la propria gamma di sensori di posizione con tecnologia magnetostrittiva proponendo due nuovi modelli con interfaccia Profibus in risposta alla costante domanda di soluzioni con questo tipo di interfaccia. Negli ultimi dieci anni, infatti, è stata forte la crescita dell'utilizzo di industrial Ethernet nelle soluzioni di automazione industriale e di processo.

I principali vantaggi che derivano dall'utilizzo di soluzioni con protocollo Profibus sono la possibile integrazione in sistemi complessi in cui le distanze di comunicazione sono significative ed elevata è la velocità e la sicurezza nell'invio dei dati. Inoltre, la qualità Gefran si rispecchia anche nella grande affidabilità e durata, elevata precisione della lettura comprovata da una non linearità pari a 0.01%/FS e deriva termica max 20 ppmFS/°C.

Le nuove soluzioni MK4P/IK4P di Gefran sono dispositivi con interfaccia Profibus DPV0 su RS485 in accordo con IEC 61158. Sono disponibili nella versione a profilo (MK4-P) o a stelo (IK4-P), per corse da 50 a 4000 mm. Nella versione a profilo è possibile utilizzare cursori a slitta o flottanti per una maggior flessibilità di installazione. Nella versione a stelo sono disponibili magneti ad anello per installazioni interno cilindro e tipo a galleggiante per misure di livello.

Il trasduttore è in grado di gestire da uno a quattro cursori su un unico sensore per letture di posizione assoluta e velocità. Inoltre sono disponibili informazioni sullo stato del sensore ed errore nella rilevazione della misura (stato del magnete). Possibili impostazioni riguardano l'offset per ogni magnete e la direzione di misura (avanti/indietro).

Il collegamento del trasduttore avviene attraverso un connettore M8 4 poli per l'alimentazione e due connettori M12 5 poli utilizzati per il collegamento del bus. Questa soluzione consente di gestire operazioni di configurazione dispositivo attraverso programmatori portatili senza necessariamente collegare il trasduttore alla rete bus.

Tutti i parametri, inclusa la risoluzione, sono impostabili via software, mediante l'utilizzo di un Master di classe 2. La struttura ed il formato dei parametri di configurazione sono descritti nel file GSD, scaricabile dal sito internet. Fornito come accessorio, nel caso non si disponesse di un Master di Classe 2, PNP-1 consente di programmare il numero di nodo di MK4P/IK4P all'interno della rete.

Pubblicato il 4 Marzo 2015 - (161 views)
Gefran SpA
Via Statale Sebina 74
25050 Provaglio d'Iseo - Italy
+39-030-98881
+39-030-9839063
Visualizza company profile
Descrizione

Trent’anni di esperienza e un know how approfondito, una struttura fortemente orientata ai bisogni del cliente e una costante innovazione tecnologica, fanno di Gefran un leader nel settore dei componenti per l’automazione e sistemi per il controllo dei processi industriali.
I nostri clienti si rivolgono a Gefran con la sicurezza di ottenere sempre la migliore risposta possibile a qualunque esigenza in fatto di sensori, componenti, sistemi e motion control.

Mappa
Più prodotti da questo inserzionista
Articoli correlati
Sensori per termocoppie Labfacility
Sensore di corrente GO
Trasmettitori di pressione e sonde di livello
Sensori per applicazioni di processo
Sensori con IO-Link
4.0° anniversario ATP
Sensori per temperatura Labfacility
Sensori innovativi e soluzioni per la misurazione
Sensori di temperatura EVONOMI+
Driving Industry 4ward
Nuovo sensore Smart Valve serie MVQ
Nuova OGDCube: sensore tempo di volo compatto
Sensori di lucentezza
Sensore ultra compatto a standard industriale 4.0
La nuova era dei sensori fotoelettrici
Misura e calibrazione di piccole differenze di pressione con halstrup-walcher
Master IO-Link Dataline Coolant e Food
Master IO-Link per quadro elettrico
Nuove fotocellule O8: piccole, ma davvero efficaci!
Sistemi di input