Distribuzione, monitoraggio e Service di manutenzione

  Richiedi informazioni / contattami

Intervista a Paolo Ferrario, Marketing Manager di Precision Fluid Controls

Paolo Ferrario, Marketing Manager di Precision Fluid Controls
Paolo Ferrario, Marketing Manager di Precision Fluid Controls
Composta agli esordi da tre persone, oggi Precision Fluid Controls conta circa 30 dipendenti in Italia e quattro nella sede francese
Composta agli esordi da tre persone, oggi Precision Fluid Controls conta circa 30 dipendenti in Italia e quattro nella sede francese

Partita come distributore locale di strumen­tazione, oggi Precision Fluid Controls si è sviluppata sul territorio italiano riuscendo anche a insediarsi oltralpe. Paolo Ferrario ha raccontato a Il Distributore Industriale l’evoluzione dell’azienda durante i suoi pri­mi vent’anni di attività e illustrato le novità esposte alla scorsa SPS IPC DRIVES di Par­ma

 

Precision Fluid Controls si è costituita nel 1998. Come si è evoluta l’azienda durante questi primi vent’anni? Ci racconta i pro­gressi e le esperienze più significative?

 

Precision Fluid Controls nasce operativa­mente nel 1998 come azienda di strumenta­zione industriale, distribuzione e rivendita e nel corso dei suoi primi vent’anni di atti­vità ha incrementato sempre di più il nu­mero di brand distribuiti in Italia e la sua presenza sul territorio. È partita come una piccola realtà locale in ambito lombardo per poi espandersi e aprire nel corso degli anni altre sedi in Italia, a Roma, Latina e Chioggia.

Abbiamo iniziato la nostra attività con la rappresentanza dei prodotti Barksdale e Bronkhorst, rappresentanze per noi stori­che, e nel corso degli anni abbiamo imple­mentato il numero delle stesse aggiungen­do marchi prestigiosi come FCI, Ham-Let e Tescom. Gli ultimi sviluppi ci hanno portato inoltre a chiudere una nuova partnership con Honeywell relativa alla distribuzione della strumentazione di processo. Precision Fluid Controls agli esordi era composta da tre persone; oggi conta circa 30 dipendenti in Italia e quattro nella sede francese.

 

Da pochi anni l’azienda ha infatti aperto nuove sedi oltre a quella milanese, una in Francia e due in Italia. Quali sono le pro­spettive presenti e future per le stesse? Avete in programma ulteriori aperture?

 

La sede di Roma nasce nel 2008 per sup­portare e servire le ingegnerie presenti a Roma. La creazione di questa sede si è rivelata strategica perché è diventata lo strumento per seguire tutto il sud Ita­lia. A livello logistico e di stock, abbiamo deciso di creare un piccolo magazzino a Roma, molto più ridotto rispetto a quello di Milano ma in grado di consentire una minima gestione delle problematiche an­che al sud.

La sede di Chioggia è nata invece nel 2016 principalmente per una grossa espansione a livello di ordinativi e fatturato che c’era stata nel corso di quell’anno in Veneto. Per questo motivo abbiamo deciso di assumere un venditore specificamente dedicato alla gestione dell’area venetofriulana e trentina.

Nel 2015 inoltre, spinti da alcuni nostri for­nitori, abbiamo deciso di intraprendere questa avventura estera aprendo, con un partner spagnolo, una sede a Parigi, chiama­ta «Fluides Précision». È una realtà un po’ più piccola che cerca di rispecchiare l’azien­da italiana come organizzazione e struttura. Per il momento ci riteniamo soddisfatti e non prevediamo ulteriori espansioni, per lo meno all’estero.

 

Precision Fluid Controls propone stru­mentazione di misura di ogni tipo per il controllo di livello, portata, pressione e temperatura nel mondo dei fluidi. In che tipo di mercati e applicazioni trovate più riscontri?

 

Uno dei focus principali di Precision dalla sua nascita è stato il mercato dell’Oil&Gas, che ha rappresentato da sempre una fetta importante e significativa del nostro fattu­rato. Successivamente alla crisi che c’è stata negli ultimi anni, nello stesso settore, abbia­mo diversificato notevolmente la nostra atti­vità ottenendo ottimi risultati: anche il 2017 è stato un anno che ha avuto una crescita del 10% a livello di fatturato e anche superiore a livello di ordinativi.

La nostra attività si è diversificata in setto­ri molto svariati: uno dei più significativi è quello dei costruttori di macchine, segui­to dal Food&Beverage, dal farmaceutico e da quello dei trattamenti superficiali, per quanto riguarda sia l’utente finale sia i co­struttori dei sistemi e degli impianti del set­tore. Il settore dell’automazione in generale rappresenta una buona parte del nostro fatturato e, grazie alla partnership con Ho­neywell per la parte di PLC e registratori videografici, contiamo che possa diventare ancora più significativa.

 

L’azienda ha recentemente partecipato all’ottava edizione di SPS IPC Drives Italia. Ci può fare una panoramica sulle novità che avete presentato in quest’occasione?

 

Precision ha confermato per la sesta volta la sua partecipazione alla Fiera SPS IPC DRI­VES che si è tenuta a Parma dal 22 al 24 mag­gio scorsi. Per noi è una delle fiere principali e più importanti in Italia e quest’anno ab­biamo deciso di incentrarla principalmente su tre argomenti, il primo dei quali riguarda i sistemi di dosaggio per microportate del­la Bronkhorst che funzionano associando un misuratore di portata a effetto Coriols a una pompa dosatrice, perché crediamo sia­no applicabili in molti ambiti, tra cui anche l’automazione.

I mini misuratori e regolatori di massa della serie mini-CORI-FLOW di Bronkhorst si di­stinguono per la loro capacità di misurare e di controllare quantità molto piccole di liquidi e di gas, in modo veloce e accurato. L’unicità di queste soluzioni consiste nel po­ter misurare delle portate bassissime (sotto i 300 Kg/h, dai più piccoli con fondo scal 5 gr/h fino al modello più grande in grado di misurare 600Kg/h). Automatizzare il proces­so di controllo consente ai produttori di pas­sare rapidamente e in modo efficiente tra i processi di produzione, riducendo i tempi di fermo impianto e l’intervento da parte dell’operatore. Gli strumenti Bronkhorst Coriolis, tramite l’utilizzo del software de­dicato FlowPlot fornito contestualmente al misuratore/regolatore, o venendo integrati come parte di un sistema PLC, permettono di accrescerne la funzionalità con la capaci­tà di includere l’acquisizione dei dati.

I misuratori di massa Bronkhorst Coriolis hanno la funzionalità aggiuntiva di control­lare direttamente uno strumento seconda­rio, che può essere una pompa o una val­vola. Utilizzando il controllo integrato PID si riesce infatti a ottenere tempi di risposta rapidi e precisi con portate che possono va­riare da 0,05 g/h fino a 600 kg/h.

Il tutto con un accuratezza inferiore allo 0,2% del valore letto per i liquidi e allo 0,5% del valore letto per i gas, permetten­do così un notevole risparmio in termini di prodotti dosati. Infine, sfruttando la funzionalità di controllo, fornita dal PID, l’integrazione della soluzione in un’ap­plicazione attuale o nel processo di fab­bricazione è semplice e lineare. Questi strumenti vengono utilizzati in ambito Food&Beverage, chimico e farmaceutico per il dosaggio principalmente di additivi e coloranti.

Poichè consentono dosaggi molto picco­li e accurati, sono ideali anche in ambito farmaceutico e trovano impiego anche nell’automotive, nel petrolchimico e Oil&­gas. Questi sistemi non necessitano di manutenzione e, a discrezione del cliente, possono essere ricalibrati periodicamente per far fronte alle normative in ambito di qualità.

La seconda novità presentata riguarda la parte PLC e videografici di Honeywell, qualcosa di totalmente nuovo per noi, che abbiamo deciso di introdurre all’interno della nostra gamma di prodotti proprio per andare a offrire un servizio aggiun­tivo ai nostri clienti. Fino all’anno scorso ci fermavamo infatti alla strumentazione da campo; da quest’anno offriamo tutta la parte relativa all’acquisizione del segnale.

Il terzo prodotto è una recentissima novi­tà, lanciata da un nostro fornitore proprio a metà maggio, che riguarda una nuova serie di termostati, pressostati e livellostati elettronici, con allarmi relè e anche in ver­sione IO-Link, sposandosi con il concetto attualissimo di Industry 4.0. Ciò ci permet­te inoltre di approcciare anche mercati in cui eravamo tagliati un po’ fuori, come l’automotive, dalla mancanza di protocolli digitali adatti a questo tipo di settore.

 

Oltre alla fornitura di prodotti, svolgete anche altre tipologie di servizio per i vo­stri clienti?

 

Il laboratorio Precision Fluid Controls di Milano offre un servizio di taratura e ri­calibratura degli strumenti per quanto riguarda la pressione, la temperatura e la portata di gas fino 120 Nm3/h. La società mette a disposizione dei propri clienti un servizio di assistenza tecnica altamente qualificato per effettuare interventi e veri­fiche in laboratorio e sul campo.

 

Ha prima citato l’Industry 4.0. Quanto, se­condo la sua esperienza, le aziende sono/saranno coinvolte dall’avvento di questo fenomeno? I vostri strumenti e servizi possono aiutare a supportare soluzioni in questo senso?

 

Per un’azienda che si occupa di compo­nenti o di strumenti il Piano Industria 4.0 con gli ammortamenti previsti può essere un volano per attirare le grandi imprese non tanto il singolo acquirente. È chiaro che il singolo componente o strumento possa essere parte di questo piano indu­striale.

Tuttavia il cliente potrebbe scoraggiarsi di fronte alla trafila burocratica necessa­ria per usufruire del superammortamento per un singolo prodotto, preferendo inve­ce estendere queste agevolazioni su tutto il macchinario, collettando i costi di ap­provvigionamento; quindi per le aziende diventa difficile capire quando il singolo strumento o componenete può essere am­mortato o meno.

Attraverso collaborazioni con partner esterni siamo in grado di seguire i nostri clienti in tutte le fasi di ingegnerizzazione, progettazione e verifica per accedere agli incentivi messi a disposizione dal piano Industria 4.0.

 

Parlando infine del settore della manu­tenzione, quanto è importante per il vo­stro business? Ritiene sufficientemente diffusa la cultura della manutenzione in Italia?

 

Non so dire con esattezza quanto sia diffusa In Italia la cultura della manutenzione ma so per certo che nel nostro settore è un fatto­re sempre più determinante. Da alcuni anni noi offriamo un servizio completo che non si limita alla singola vendita dello strumento ma che include anche un ciclo di manuten­zione programmata. Più che di manuten­zione parlo, in questo caso, di “Service” nel senso che offriamo un servizio periodico o a “pacchetto” di service programmato nel caso in cui uno strumento lo richieda, per esempio per quanto riguarda i misuratori di portata offriamo un servizio di ricalibrazio­ne, taratura e pulizia periodica, come citato prima.

 

Spesso la manutenzione viene percepi­ta come un semplice costo piuttosto che come un investimento, e per questo le aziende tendono a pensarci due volte pri­ma di investire in essa. Cosa si può fare per invertire la rotta, accrescerne l’inte­resse e, di conseguenza, gli investimenti?

 

Noi cerchiamo di far percepire al cliente come il servizio che offriamo sia un inve­stimento per il suo impianto e per il suo macchinario, quindi come poter garantire il corretto funzionamento nel tempo e sen­za avere più problemi di fermo impianto e fermo macchina con costi più elevati e difficili da quantificare. Sicuramente que­sto concetto non sempre viene percepito, soprattutto è difficile da spiegare da par­te di un’azienda come la nostra che offre componenti e non un sistema completo.

Tuttavia va sottolineato il fatto che negli ultimi anni c’è un’attenzione maggiore da parte dei clienti, soprattutto per ciò che concerne le start-up e il service periodico. Forse questo interesse crescente è visto, in parte, come un modo di spostare le respon­sabilità dall’acquirente al venditore per avere un’estensione di garanzia del funzio­namento dello strumento nel momento in cui si acquista un ”pacchetto” o si accetta di usufruire dei nostri servizi. Quindi sì, sicuramente vedo un maggiore interesse e credo che per il futuro Precision Fluid Con­trols inserirà sempre più all’interno delle sue offerte pacchetti di Service, installazio­ni e corsi di formazione.

Maria Bonaria Mereu

Marta Roberti

Pubblicato il 19 Ottobre 2018 - (22 views)
Articoli correlati
70 anni di successi grazie a flessibilità e ascolto del cliente
Big Kaiser festeggia 70 anni dalla fondazione
Unitec presente alla prossima Euroblech di Hannover
Il gruppo Camozzi investe nell'industria aerospaziale
Workshop gratuiti con Stahlwille
Giravite torsiometrico elettromeccanico con stop tattile
JEFTA, tempistiche e novità dell’accordo tra UE e Giappone
Le 5S del Kaizen
Segmenti lamellari a esecuzione semplice e doppia
Sensore radar con tecnologia bluetooth
Hardware Forum 2018
Accessori per pneumatica e oleodinamica
Cuscinetti orientabili a rulli schermati
Impianti produttivi efficienti
Cuscinetti e unità lineari lubrificati
Componenti meccanici per l'industria
Consulenza applicativa per utensileria
Maschi per materiali specifici
Utensili a mano multiuso
Sistema di tubi e raccordi
Confermarsi un partner affidabile per l’industria di oggi e del futuro
Elettrovalvola per alto vuoto
Distributore non metallico per sistemi di lubrificazione
Analizzatori di ossigeno per l'ottimizzazione della combustione
Tester elettrici senza contatto
Centesimo anniversario di Parker Hannifin
Multimetro con tecnologia Igm
Gateway Modbus per comunicazioni tra network
Relazioni fra imprese, strumento di competitività
UE, pubblicato l’Annual Report on European SMEs