Nulla da dichiarare?

  Richiedi informazioni / contattami

La dichiarazione del fornitore e le sue implicazioni commerciali

Nulla da dichiarare?
Nulla da dichiarare?

Sempre più spesso il fornitore si trova a dover far fronte alle incessanti richieste del proprio cliente circa il rilascio di dichiarazioni attestanti l’origine del prodotto oggetto della compravendita. Sorgono, a tal proposito, tutta una serie di questioni: cosa sono le dichiarazioni del fornitore? Come compilarle? Esistono dei modelli? Sono obbligatorie? A quali rischi ci si espone firmandole?

Sottoscrivendo una Long Term Supplier’s Declaration (LTSD), il fornitore attesta che i prodotti commercializzati rispettano le regole conferenti l’origine preferenziale ai sensi degli accordi commerciali (Free Trade Agreements, FTA) stipulati dalla UE. Pertanto, per procedere al rilascio, bisogna avere preliminarmente effettuato un’analisi su se e come i propri prodotti ottemperino alle regole contenute negli FTA, ai c.d. protocolli origine.

Per effettuare tale analisi, la prima tappa è quella di identificare con certezza il codice doganale attribuibile ai prodotti per i quali si è chiamati a fornire la dichiarazione e per gli input produttivi utilizzati. Quest’operazione non sempre si presenta agevole. Infatti, quando si opera in taluni settori merceologici è necessaria una approfondita conoscenza delle regole legate al funzionamento della tariffa doganale, in particolare a tutta la disciplina che tratta delle parti.

Step successivo è quello di “scoprire” se il prodotto soddisfi i requisiti sull’origine preferenziale, che in genere prevedono un cambio di classifica doganale e/o un valore aggiunto sugli input non originari utilizzati. Appare evidente come una corretta classificazione dei prodotti sia strategica ai fini dell’ottenimento dei benefici tariffari legati alla preferenzialità.

L’ottenimento dell’origine preferenziale può dipendere dal Paese di destinazione extra UE. Conosciuto questo, sarà necessario consultare l’FTA esistente e il relativo protocollo origine.

Nella prassi si è soliti assistere a situazioni in cui il fornitore non è il diretto produttore ma un rivenditore che, per definizione, non ha contezza di tutte le informazioni sul ciclo di lavorazione subito dai prodotti commercializzati.

In questi casi il fornitore dovrà preoccuparsi di richiedere, a sua volta, una dichiarazione al produttore diretto della merce, onde poter rilasciare la propria LTSD o, se esportatore diretto, procedere alla richiesta di emissione di EUR1 (ancor meglio, apporre dichiarazione diretta su fattura di vendita nel caso costui sia Esportatore Autorizzato).

Continua a leggere l'articolo di Alessandro Di Simone di Easyfrontier sul numero di Dicembre 2015 de Il Distributore Industriale

Pubblicato il 17 Dicembre 2015 - (155 views)
Articoli correlati
«Associarsi a FNDI per fare fronte comune alle sfide del mercato»
FNDI rinnova la Presidenza e gli Organi Direttivi
USAG al fianco di MTS con i professionisti del motorsport
La due giorni promossa da Stahlwille sulle novità della UNI EN ISO 6789:2017
Oliver Jung è il nuovo presidente del CdA di Festo
Ottimi risultati per Stima alla recente edizione di EIMA
Strumento per prove di tenuta impianti
Cuscinetti a rulli conici con 300 varianti dimensionali
Lampade con base magnetica regolabile
Sistemi per il taglio laser
Hardware Forum 2018
Accessori per pneumatica e oleodinamica
Cuscinetti orientabili a rulli schermati
Impianti produttivi efficienti
Cuscinetti e unità lineari lubrificati
Componenti meccanici per l'industria
Consulenza applicativa per utensileria
Maschi per materiali specifici
Utensili a mano multiuso
Sistema di tubi e raccordi
Misuratore per lo stoccaggio delle ceneri
Confermarsi un partner affidabile per l’industria di oggi e del futuro
Elettrovalvola per alto vuoto
Distributore non metallico per sistemi di lubrificazione
Analizzatori di ossigeno per l'ottimizzazione della combustione
Tester elettrici senza contatto
Centesimo anniversario di Parker Hannifin
Multimetro con tecnologia Igm
Gateway Modbus per comunicazioni tra network
Relazioni fra imprese, strumento di competitività