Ripartenza lenta e fragile

  Richiedi informazioni / contattami

Riviste al ribasso le stime per il 2014, ma cresce la fiducia tra le imprese

Ripartenza lenta e fragile
Ripartenza lenta e fragile
Ripartenza lenta e fragile
Ripartenza lenta e fragile
Ripartenza lenta e fragile
Ripartenza lenta e fragile

Lo scorso 26 giugno è stato presentato a Roma nel corso del convegno organizzato dal Centro Studi di Confindustria il rapporto Scenari economici. Le previsioni, le osservazioni ed i grafici che in seguito vengono utilizzati sono tratti dal suddetto rapporto curato da Luca Paolazzi, direttore del CSC.

Il CSC stima una variazione del PIL italiano di +0,2% quest’anno e di +1,0% nel 2015. L’incremento del biennio compensa solo in piccola parte la caduta nei due anni precedenti (-2,4% nel 2012 e -1,9% nel 2013). Il recupero sarà lento e soggetto a rischi al ribasso.

Dal terzo trimestre 2011 al primo 2014 l’Italia ha vissuto la seconda recessione dall’inizio della crisi. Essa si è differenziata dalla prima per la minore profondità, la maggiore durata e per la più ampia caduta della domanda interna. Nel corso del 2013 il ritmo di contrazione del PIL italiano è gradualmente diminuito e nel quarto trimestre si è avuta una minima espansione (+0,1% congiunturale), la prima dal secondo 2011. Nei confronti del picco pre-crisi (terzo trimestre 2007) il livello del PIL è risultato inferiore del 9,0%; in termini pro-capite la perdita è di quasi l’11% (pari a 2.900 euro per persona).

Risalita faticosa
Per il 2014 il CSC rivede al ribasso la stima elaborata in dicembre (+0,7%) a causa anche del sorprendente calo nel primo trimestre (-0,1%, contro il +0,3% previsto). Il nuovo profilo disegnato dal CSC indica il ritorno a variazioni positive già dal secondo trimestre.

Anche per il 2015 la stima è stata ritoccata all’ingiù perché lo scollamento tra dati reali e indicatori qualitativi induce a tenere in maggior conto l’abbassamento del potenziale di crescita e a puntare su variazioni trimestrali più contenute sia quest’anno sia il prossimo.

Tra le imprese torna la fiducia, ma non gli investimenti
L’indice di fiducia delle imprese manifatturiere anticipa usualmente di un trimestre l’andamento degli investimenti in macchinari, apparecchiature e mezzi di trasporto. La correlazione tra i due indicatori è fortemente diminuita dal secondo semestre 2012. Si è ulteriormente allentata dal secondo trimestre 2013, tanto che la fiducia è da allora progressivamente migliorata mentre gli investimenti hanno proseguito a scendere, seppure meno rapidamente, fino a fermarsi.

Vittorio Dassi - Segretario Generale FNDI

 

Continua  a leggere su Il Distributore Industriale

 

Pubblicato il 14 Luglio 2014 - (220 views)
Articoli correlati
Distribuzione, monitoraggio e Service di manutenzione
70 anni di successi grazie a flessibilità e ascolto del cliente
Big Kaiser festeggia 70 anni dalla fondazione
Unitec presente alla prossima Euroblech di Hannover
Il gruppo Camozzi investe nell'industria aerospaziale
Workshop gratuiti con Stahlwille
Giravite torsiometrico elettromeccanico con stop tattile
JEFTA, tempistiche e novità dell’accordo tra UE e Giappone
Le 5S del Kaizen
Segmenti lamellari a esecuzione semplice e doppia
Hardware Forum 2018
Accessori per pneumatica e oleodinamica
Cuscinetti orientabili a rulli schermati
Impianti produttivi efficienti
Cuscinetti e unità lineari lubrificati
Componenti meccanici per l'industria
Consulenza applicativa per utensileria
Maschi per materiali specifici
Utensili a mano multiuso
Sistema di tubi e raccordi
Confermarsi un partner affidabile per l’industria di oggi e del futuro
Elettrovalvola per alto vuoto
Distributore non metallico per sistemi di lubrificazione
Analizzatori di ossigeno per l'ottimizzazione della combustione
Tester elettrici senza contatto
Centesimo anniversario di Parker Hannifin
Multimetro con tecnologia Igm
Gateway Modbus per comunicazioni tra network
Relazioni fra imprese, strumento di competitività
UE, pubblicato l’Annual Report on European SMEs