Startup innovative, al via le agevolazioni fiscali

  Richiedi informazioni / contattami

Il nuovo regime potrà portare risparmi d'imposta fino a un massimo di 99mila euro annui

Startup innovative, al via le agevolazioni fiscali
Startup innovative, al via le agevolazioni fiscali

Sta per entrare nel vivo il regime di agevolazioni fiscali per le startup innovative. Il via libera della Ue, notificato in dicembre con una lettera del commissario alla Concorrenza Joaquín Almunia, sblocca di fatto l'impasse.

Le agevolazioni fiscali riguardano investimenti in startup innovative come indicate dall'articolo 25 del Decreto Crescita 2.0 (Dl 179/2012). Si applicano a persone fisiche, a valere sull'Irpef, e persone giuridiche, a valere sull'Ires. L'investimento agevolato può essere effettuato anche indirettamente per il tramite di organismi di investimento collettivo del risparmio (Oicr) o altre società di capitali che investono prevalentemente in startup. In quest'ultimo caso, le agevolazioni spettano in misura proporzionale agli investimenti effettuati nelle startup innovative da queste società.

Tra i casi di esclusione dagli incentivi, vanno segnalati gli investimenti effettuati da soggetti a partecipazione pubblica o destinati ad imprese in difficoltà secondo la classificazione Ue e ad imprese dei settori costruzione navale-carbone-acciaio.

L'entità delle agevolazioni
I soggetti passivi dell'imposta sul reddito delle persone fisiche possono detrarre dall'imposta lorda un importo pari al 19% dei conferimenti rilevanti effettuati, fino a 500mila euro, in ciascun periodo d'imposta interessato dal decreto (2013-2014-2015 mentre per il 2016 potrebbe occorrere un'ulteriore notifica alla Ue). Il risparmio d'imposta massimo che potrà essere assicurato al conferente sarà dunque pari a 95mila euro annui.

Quanto ai soggetti Ires, potranno dedurre dal proprio reddito complessivo un importo pari al 20% dei conferimenti effettuati, fino a 1,8 milioni di euro, in ciascun periodo d'imposta, Quindi, considerando l'aliquota Ires del 27,5%, il risparmio d'imposta massimo sarà pari a 99mila euro. Le eventuali eccedenze, sia per la detrazione sia per la deduzione, potranno essere riportate in avanti nei periodi d'imposta successivi, ma non oltre il terzo.

I benefici sono incrementati (al 25% nel caso di persone fisiche e al 27% per le società) se si investe in startup a «vocazione sociale» o che sviluppano e commercializzano esclusivamente prodotti e servizi innovativi in ambito energetico.

Fonte: ilsole24ore.com


Continua a leggere l'articolo su Il Distributore Industriale

Pubblicato il 22 Gennaio 2014 - (79 views)
Articoli correlati
Distribuzione, monitoraggio e Service di manutenzione
70 anni di successi grazie a flessibilità e ascolto del cliente
Big Kaiser festeggia 70 anni dalla fondazione
Unitec presente alla prossima Euroblech di Hannover
Il gruppo Camozzi investe nell'industria aerospaziale
Workshop gratuiti con Stahlwille
Giravite torsiometrico elettromeccanico con stop tattile
JEFTA, tempistiche e novità dell’accordo tra UE e Giappone
Le 5S del Kaizen
Segmenti lamellari a esecuzione semplice e doppia
Hardware Forum 2018
Accessori per pneumatica e oleodinamica
Cuscinetti orientabili a rulli schermati
Impianti produttivi efficienti
Cuscinetti e unità lineari lubrificati
Componenti meccanici per l'industria
Consulenza applicativa per utensileria
Maschi per materiali specifici
Utensili a mano multiuso
Sistema di tubi e raccordi
Confermarsi un partner affidabile per l’industria di oggi e del futuro
Elettrovalvola per alto vuoto
Distributore non metallico per sistemi di lubrificazione
Analizzatori di ossigeno per l'ottimizzazione della combustione
Tester elettrici senza contatto
Centesimo anniversario di Parker Hannifin
Multimetro con tecnologia Igm
Gateway Modbus per comunicazioni tra network
Relazioni fra imprese, strumento di competitività
UE, pubblicato l’Annual Report on European SMEs