Le turbolenze dell'economia globale

  Richiedi informazioni / contattami

La congiuntura sfavorevole condiziona al ribasso le stime di crescita anche per l'Italia

Le turbolenze dell'economia globale
Le turbolenze dell'economia globale
Le turbolenze dell'economia globale
Le turbolenze dell'economia globale
Le turbolenze dell'economia globale
Le turbolenze dell'economia globale
Le turbolenze dell'economia globale
Le turbolenze dell'economia globale
Le turbolenze dell'economia globale
Le turbolenze dell'economia globale

Il 2016 dell’economia globale è iniziato all’insegna di un minor slancio rispetto alle aspettative e con evidenti segni di indebolimento dovuti ai crolli delle Borse, dei prezzi delle materie prime e alla rivalutazione del cambio effettivo dell’euro. Se a questo aggiungiamo il referendum su Brexit, la questione migranti e l’instabilità in molti paesi lo scenario in Europa risulta tutt’altro che limpido. Tutto ciò ha intaccato la ritrovata fiducia, aumentando l’incertezza.

Nell’Eurozona i consumi sostengono la domanda interna, con cambio, tassi e costi energetici ancora favorevoli.

L’Italia risente del quadro globale e i dati hanno nuovamente deluso le aspettative positive basate sul netto progresso di indicatori qualitativi e non; banalmente per ragioni aritmetiche, le previsioni sull’anno in corso sono riviste all’ingiù da vari istituti italiani e internazionali.

Pil e produzione avanti adagio

In Italia la dinamica di PIL e produzione nel 4° trimestre 2015 ha deluso le attese. La crescita, che procede  con un ritmo più lento rispetto all’aspettativa, ha indotto l’OCSE ha rivederne al ribasso le stime nel 2016, portandola da +1,4% a +1,0%.

Le indicazioni di inizio anno sono invece contrastanti. Se da un lato, la produzione industriale è cresciuta dello 0,9% e le immatricolazioni di austo son cresciute dello 7%, dall’altro, i servizi ed il manifatturiero sono diminuiti rispettivamente dell’1,7% e del 2,4%.

Dato il miglioramento della dinamica dell’industria rilevato dal Centro Studi Confindustria, si stima che la velocità di aumento del PIL Italia non si rafforzerà nel 1° trimestre 2016 rispetto a quella registrata nell’ultima frazione del 2015.

Nell’Area Euro frenano gli investimenti

La crescita dell’Eurozona nel 2016, che inizialmente procedeva più lentamente ma ancora a buoni ritmi, è stata rivista sensibilmente al ribasso dall’OCSE (a +1,4%, dall’1,8% precedente). Oltre che per l’Italia, la correzione è stata particolarmente significativa per la Germania (-0,5 punti percentuali).

In particolare la contrazione dei prezzi di vendita, al ritmo più rapido da un anno, è indice di forte debolezza della domanda.

Le principali preoccupazioni derivano dal rischio di deflazione che rimane elevato: i prezzi al consumo hanno registrato in dicembre un incremento dello 0,2% annuo (come in novembre).

Petrolio in calo

Il prezzo del petrolio Brent è basso (33,5 dollari al barile in febbraio, 45,1 a novembre) e resterà tale a lungo. Nonostante l’offerta mondiale freni bruscamente , la domanda cresce meno e c’è ancora un eccesso di produzione.

Il ribasso del greggio fa soffrire i paesi petroliferi: nell’OPEC e in Russia sono peggiorate le ragioni di scambio, con un impatto negativo su consumi e import dai paesi avanzati. Negli USA i pozzi in attività sono scesi a 439 a febbraio (1.609 a ottobre 2014), ma l’estrazione di greggio è stabile (9,6 nel luglio 2015).

Il petrolio a basso costo, viceversa, fornisce una spinta alla crescita nei paesi consumatori, come l’Italia (che risparmia 29 miliardi sulla bolletta petrolifera nel 2016, stime CSC). La riduzione dei prezzi energetici contribuisce a tenere l’inflazione vicina a zero.

Lavoro e PIL

Grazie alle misure adottate (decreto Poletti, decontribuzione e Jobs Act) anche il numero delle persone occupate (+0,8%) è cresciuto con la ripartenza economica.  Gli sgravi contributivi e le nuove norme hanno portato ad un aumento dell’occupazione; ad aumentare non sono solo i contratti a tempo determinato ma anche quelli a tempo indeterminato (+80mila unità, dati ISTAT).

Nel 2016 la spesa delle famiglie italiane sarà sostenuta da questi miglioramenti in atto sul mercato italiano, che innescano un circolo virtuoso, rafforzando sia i bilanci familiari sia la fiducia e la propensione a spendere.

Date le numerose trattative di rinnovo dei contratti in corso, si attende una crescita delle retribuzioni superiore a quella dell’inflazione.

L’export Italiano

Già alla fine del 2015 sono calate le esportazioni delle principali economie dell’Area euro: Germania (-1,2%), Italia (-1,8%) e Spagna (-2,3%). Nel 4° trimestre 2015 l’export italiano è comunque aumentato dell’1,7% sul 3° trimestre. In media d’anno la crescita si è attestata al 3,6%, appena sotto quanto previsto dal CSC in dicembre (+3,9%).

L’indebolimento delle vendite italiane è dovuto anche alla frenata della dinamica degli scambi mondiali. I principali istituti, FMI e OCSE, rivedono al ribasso le previsioni sull’espansione del commercio mondiale per il 2016, delineando la prospettiva di una crescita modesta per i prossimi mesi.

 

 

Pubblicato il 13 Maggio 2016 - (267 views)
Articoli correlati
Distribuzione, monitoraggio e Service di manutenzione
70 anni di successi grazie a flessibilità e ascolto del cliente
Big Kaiser festeggia 70 anni dalla fondazione
Unitec presente alla prossima Euroblech di Hannover
Il gruppo Camozzi investe nell'industria aerospaziale
Workshop gratuiti con Stahlwille
Giravite torsiometrico elettromeccanico con stop tattile
JEFTA, tempistiche e novità dell’accordo tra UE e Giappone
Le 5S del Kaizen
Segmenti lamellari a esecuzione semplice e doppia
Hardware Forum 2018
Accessori per pneumatica e oleodinamica
Cuscinetti orientabili a rulli schermati
Impianti produttivi efficienti
Cuscinetti e unità lineari lubrificati
Componenti meccanici per l'industria
Consulenza applicativa per utensileria
Maschi per materiali specifici
Utensili a mano multiuso
Sistema di tubi e raccordi
Confermarsi un partner affidabile per l’industria di oggi e del futuro
Elettrovalvola per alto vuoto
Distributore non metallico per sistemi di lubrificazione
Analizzatori di ossigeno per l'ottimizzazione della combustione
Tester elettrici senza contatto
Centesimo anniversario di Parker Hannifin
Multimetro con tecnologia Igm
Gateway Modbus per comunicazioni tra network
Relazioni fra imprese, strumento di competitività
UE, pubblicato l’Annual Report on European SMEs