Un positivo scenario economico

  Richiedi informazioni / contattami

Il CSC stima un incremento del PIL italiano dell’1,0% per il 2015 e dell’1,5% nel 2016

Un positivo scenario economico
Un positivo scenario economico
Un positivo scenario economico
Un positivo scenario economico

Durante l’estate lo scenario economico è mutato.

Il cambiamento è avvenuto nel solco delle tendenze già emerse ed evidenziate nel corso dei mesi precedenti. È stato nell’intensità dei movimenti, non nella loro direzione. Nel complesso risulta più favorevole all’economia italiana, seppure in misura marginale rispetto a quanto già chiaro e consolidato. Le modifiche intervenute rafforzano il quadro che si era delineato e fanno rivedere al rialzo le previsioni del Centro Studi Confindustria (CSC).

Le principali variazioni sono tre: la frenata del commercio mondiale più marcata, che deriva da una performance dei paesi emergenti peggiore delle attese; la nuova flessione del prezzo del petrolio; la dinamica dell’attività economica in Italia superiore a quanto inizialmente indicato.

Le previsioni del CSC per l’Italia

Il CSC stima incrementi del PIL italiano dell’1,0% quest’anno e dell’1,5% nel 2016.

Il 2015 segna per l’economia italiana il primo progresso dopo tre cali annuali consecutivi che hanno portato a una riduzione cumulata del PIL del 4,9%. L’ampiezza del recupero quest’anno è la più robusta dal 2010, quando si era avuto un progresso dell’1,7% sul 2009. La risalita è sostenuta soprattutto dai fattori esterni particolarmente favorevoli: bassi prezzo del petrolio, tassi di interesse, cambio dell’euro.

A ciò si aggiungeranno nel 2016 migliori condizioni del credito. La riforma del mercato del lavoro, gli sgravi contributivi e la riduzione dell’IRAP hanno avuto un ruolo importante nel catalizzare la fiducia delle imprese, in prima battuta, e delle famiglie, in seguito. Le prime hanno ricevuto un segnale concreto di miglioramento del contesto competitivo. Le seconde hanno visto risalire l’occupazione, con la creazione di posti in prospettiva più stabili.

Il livello del PIL rimane, comunque, inferiore dell’8,9% nei confronti del massimo pre-crisi ed è pari a quello del primo trimestre 2000 (misurato in valori costanti). La strada del recupero appare, perciò, lunga in assenza di politiche che accelerino la crescita.

Indicatori al top

Gli indicatori congiunturali qualitativi, seppure con un andamento oscillante, hanno mostrato miglioramenti significativi sin dall’inizio del 2015. Molti di essi hanno raggiunto i livelli più elevati degli ultimi anni e a tali incrementi sono corrisposte variazioni positive della domanda e dell’attività. I loro ulteriori progressi nei mesi estivi sono coerenti con un’accelerazione del PIL.

 

Continua a leggere l'Executive Corner di Vittorio Dassi, Segretario Generale FNDI, sul numero di ottobre de Il Distributore Industriale

Pubblicato il 21 Ottobre 2015 - (268 views)
Articoli correlati
Distribuzione, monitoraggio e Service di manutenzione
70 anni di successi grazie a flessibilità e ascolto del cliente
Big Kaiser festeggia 70 anni dalla fondazione
Unitec presente alla prossima Euroblech di Hannover
Il gruppo Camozzi investe nell'industria aerospaziale
Workshop gratuiti con Stahlwille
Giravite torsiometrico elettromeccanico con stop tattile
JEFTA, tempistiche e novità dell’accordo tra UE e Giappone
Le 5S del Kaizen
Segmenti lamellari a esecuzione semplice e doppia
Hardware Forum 2018
Accessori per pneumatica e oleodinamica
Cuscinetti orientabili a rulli schermati
Impianti produttivi efficienti
Cuscinetti e unità lineari lubrificati
Componenti meccanici per l'industria
Consulenza applicativa per utensileria
Maschi per materiali specifici
Utensili a mano multiuso
Sistema di tubi e raccordi
Confermarsi un partner affidabile per l’industria di oggi e del futuro
Elettrovalvola per alto vuoto
Distributore non metallico per sistemi di lubrificazione
Analizzatori di ossigeno per l'ottimizzazione della combustione
Tester elettrici senza contatto
Centesimo anniversario di Parker Hannifin
Multimetro con tecnologia Igm
Gateway Modbus per comunicazioni tra network
Relazioni fra imprese, strumento di competitività
UE, pubblicato l’Annual Report on European SMEs